Assogenerici: a un tavolo sull’i…

AssoGenerici condivide …

ARISLA: interfaccia cervello-com…

Accendere e spegnere la l…

Vasi sanguigni stampati in 3D, p…

I primi prototipi sono gi…

Approvata in Europa la monosomm…

● La prevenzione delle ri…

Cancro al seno: in arrivo terapi…

Il prof. Cognetti: cosi' …

Cancro ai polmoni: confutata la …

Esiste una connessio…

Sui quotidiani la pubblicità di …

Roma, 24 maggio 2013 - “E…

Epatite C: epidemia che riguarda…

Epatite C. Un’epidemia «s…

Fibromialgia: terapia psicologic…

Un intervento psicologico…

Il farmaco etico è riservato all…

Le conclusioni dell’Avvoc…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Comportamento impulsivo grave: la chiave del gene

La mutazione scoperta è a carico del gene HTR2B che codifica per un tipo di recettore per la serotonina, un neurotrasmettitore in grado d’influenzare molti comportamenti, tra cui l’impulsività

Una variante genetica di un recettore del cervello umano può contribuire al comportamento impulsivo violento sotto l’influenza dell’alcol: è quanto hanno scoperto i ricercatori del National Institutes of Health (NIH) che descrivono il risultato in un articolo pubblicato sulla rivista Nature.

“L’impulsività, o ‘tendenza all’azione senza previsione’, compare in molti comportamenti patologici, tra cui il suicidio, l’aggressività patologica e le dipendenze”, ha commentato David Goldman, direttore del Laboratory of Neurogenetics del National Institute on Alcohol Abuse and Alcoholism (NIAAA) dei NIH. “Ma si tratta anche di un tratto di grande valore conservativo per l’individuo quando occorre prendere decisioni tempestive in situazioni ad alto rischio.”

In quest’ultima ricerca, i ricercatori hanno studiato un campione di questi soggetti impulsivi in Finlandia, in cui vive tutt’ora una popolazione con una storia genetica unica.

“La maggiore parte dei finlandesi deriva da un ristretto numero di coloni originari, una circostanza che diminuisce la complessità della ricerca sulle cause della patologia nel paese”, ha continuato Goldman. “Studiando la genetica dei soggetti che hanno commesso crimini violenti si aumenta così la probabilità di trovare geni in grado d’influenzare il comportamento impulsivo.”

I ricercatori hanno sequenziato il DNA dei soggetti impulsivi e hanno confrontato i dati raccolti con sequenze analoghe di soggetti normali, che costituivano il gruppo di controllo. Da ciò si è scoperto che una singola variazione, che blocca un gene noto come HTR2B, è un fattore predittivo di comportamento impulsivo. L’HTR2B codifica per un tipo di recettore per la serotonina presente nel cervello. Una parziale conferma del dato è il fatto che la serotonina è un neurotrasmettitore in grado d’influenzare molti comportamenti, tra cui l’impulsività.

“L’aspetto interessante è che da sola la mutazione genetica non può causare questo tipo di comportamento”, ha sottolineato Goldman. “I portatori di tale mutazione a carico del gene HTR2B che hanno commesso crimini da comportamento impulsivo erano maschi ed erano tutti diventati violenti solo dopo ave consumato alcol, che di per sé porta a un calo delle inibizioni dei comportamenti”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi