Differenza genica tra uomo e cav…

Due importanti caratteris…

Crisi ipoglicemiche: sei settima…

Un programma di correzion…

Ictus al femminile: come preveni…

L’American Heart Associat…

Malaria: l'azione diretta su lar…

Colpire i siti di ri…

Vita sessuale meno dolorosa in m…

Il dolore da rapporto ses…

Scompenso cardiaco grave: l’alte…

[caption id="attachme…

Il ruolo dei prioni nella memori…

Le proteine prioniche, no…

Dal 29 novembre al primo dicembr…

Il numero uno della Socie…

Mele: i pediatri vigilano sull'a…

A Roma il 16 Febbraio 201…

Tumori: il gioco chiave delle be…

Non solo predisposizione …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

La ‘biopsia liquida ‘ per monitorare concentrazione cellule tumorali nel sangue

I primi trial della ‘biopsia liquida’, un’analisi del sangue che puo’ verificare l’andamento di un tumore come il test tradizionale, cominceranno quest’anno in quattro grandi ospedali statunitensi. Lo ha annunciato uno degli ideatori, dell’Universita’ di Boston, in un’intervista al Daily Telegraph.

Il test, spiega l’esperto, e’ abbastanza sensibile da trovare una cellula tumorale ‘nascosta’ tra miliardi di sane, e predire cosi’ le probabilita’ che il cancro si trasmetta ad altri organi. Usato su pazienti con tumori del sangue, inoltre, puo’ verificare ‘in tempo reale’ se un determinato trattamento funziona, o se e’ il caso di cambiare terapia.

Il test potrebbe sostituire le biopsie, molto piu’ costose e dolorose, e addirittura essere usato per gli screening al posto di mammografie e colonscopie. Il dispositivo messo a punto prevede un microchip con 80mila piccolissime setole, ognuna delle quali contenente un anticorpo in grado di legarsi alle cellule tumorali, che una volta bloccate possono essere estratte e studiate. Il test durera’ cinque anni e costera’ circa 30 milioni di dollari, finanziati da una casa farmaceutica.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!