Parkinson: probabile un calo di …

Un improvviso calo nei …

Beta-amiloide associata alla rig…

I depositi di beta amilo…

Iperidrosi, o eccessiva sudorazi…

Iperidrosi, la Fda ha aut…

Le top 10 nuove specie scoperte …

[caption id="attachment_7…

Le troppe calorie dopo i 70 anni…

Superata questa età, un m…

BPCO: sintomi e diagnosi, le nuo…

Ha un nome complicato, "B…

Un test del DNA predice la possi…

[caption id="attachme…

CAPS – Febbri Periodiche Associa…

Campagna promossa da AIFP…

SLA: diagnosi precoce e certa pe…

[caption id="attachment_1…

YAP, “Young Against Pain”: premi…

Roma, 26 Marzo 2015 – Son…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Poli-pillola multivalente in arrivo: la pillola che salva il cuore

Addio a confezioni, blister e compresse divise a meta’, presto potrebbe arrivare sul mercato una pillola che contiene tutti i farmaci per mantenere sotto controllo la pressione e il colesterolo, in poche parole per allontanare il rischio di infarti e ictus. Oggi, nel Regno Unito parte la prima sperimentazione, su 100 individui, della polipillola, un preparato che contiene i 4 farmaci per il controllo del colesterolo e dell’ipertensione e tra un paio di anni, in base ai risultati del trial, potrebbe essere messa in commercio. Secondo i ricercatori potrebbe avere anche un costo basso, poiche’ tutti i farmaci che la compongono sono dei generici.


L’idea di una pillola omnicomprensiva e’ nata nel 2003. I due ”inventori” del concetto, prima che del prodotto, sono Sir Nicholas Ward e Malcom Law dell’Istituto di Medicina Preventiva Wolfson, presso la Queen Mary university di Londra. I due, otto anni fa, scrissero un articolo sulla rivista British Medical Journal lanciando la composizione della polipillola che, se assunta da tutti gli individui sopra i 55 anni, poteva ridurre in maniera significativa infarti e ictus e allungare la vita di circa 10 anni.

Il trial presso il Wolfon Institute, la polipillola prevede la somministrazione a 100 persone sopra i 55 anni per 12 settimane. Per altre 12 settimane riceveranno un placebo e poi per i 2 anni successivi assumeranno ancora la polipillola, per valutare i benefici a lungo termine. La composizione della polipillola prevede una dose di simvastatina (per il controllo del colesterolo) e mezza dose di losartan e amlodipina (contro l’ipertensione) e idroclorotiazide (diuretico, per abbassare la pressione). Dalla formulazione iniziale di Ward e Law manca l’acido acetilsalicilico (aspirina), poiche’ alcuni studi hanno mostrato che puo’ causare emorragie gastriche.
(ANSA)

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x