Fegato in laboratorio: ottimo ri…

Per ora e' un fegato 'bo…

Actine e miosine: scienziati ris…

Ricercatori provenienti d…

pazienti e cittadini ad impact 2…

In Europa 500 milioni di …

Dolore cronico: ne soffrono 350.…

Dalla prescrizione di far…

Stimolazione elettrica per sedar…

Chicago, 13 gen. - Grazie…

Oncologia medica: arriva carta e…

Un documento per garantir…

Psoriasi: dal sole arriva un aiu…

Secondo un dermatolog…

La differenza di genere esiste a…

La differenza di genere n…

il modello 3d del cuore che ti p…

[caption id="attachment_5…

Diabete: individuata soglia spec…

L'American Diabetes Assoc…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Sordita’ messa a scacco da chirurgia di ultima generazione

Tra 70 anni il linguaggio dei segni potra’ essere solo un ricordo grazie agli impianti cocleari, che donano l’udito ai bambini nati sordi consentendo loro di imparare a parlare in tempi brevissimi. Tali interventi sono ormai prassi comune all’Ospedale Pediatrico Bambino Gesu’ che, con la sua esperienza trentennale nella microchirurgia dell’orecchio (sono oltre tremila gli interventi eseguiti), si pone come Centro d’eccellenza per il trattamento della sordita’ in eta’ pediatrica. Il ricorso agli impianti cocleari getta cosi’ un ponte tra due epoche: quella di un mondo senza suoni ne’ parole, delle scuole speciali e dell’isolamento – in cui l’unico contatto con la realta’ poteva essere una protesi acustica – e quella attuale, dove il bambino, grazie al recupero dell’udito, puo’ imparare a parlare senza ulteriori handicap e puo’ esprimersi attraverso tutti gli strumenti della comunicazione.

Ma l’attivita’ chirurgica da sola non basta. Per raggiungere l’obiettivo e’ di fondamentale rilevanza l’approccio multidisciplinare. Presso l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesu’ e’ attivo un team di esperti (otorinolaringoiatri, audiologi, audioprotesisti, logopedisti, neuropsichiatri, psicologi) in grado di compiere diagnosi neonatali precoci e di adottare entro il primo anno di vita del bambino sordo tutte le strategie per realizzare una comunicazione uditivo-verbale e di seguirlo in tutto il percorso riabilitativo: un’alleanza tra famiglie e medici contro la condanna del silenzio.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi