Nevralgia post-erpetica: nuova s…

E' un nemico insidioso,…

Succo di barbabietola: 'doping' …

Il succo di barbabietola …

SLA: riparare il cervello con ce…

La sperimentazione sulla …

Cancro colorettale: ricercatori …

Secondo le nuove scoperte…

26enne deceduto in USA, non pote…

 Il giovane Alec Smith-Ho…

Tumori cerebrali: stimolare il c…

Un gruppo di ricercatori…

Bayer supporta la Giornata Mondi…

In partnership con ISTH (…

Chirurgia meglio dei farmaci per…

[caption id="attachment_7…

Terapia genica per recuperare l'…

È ritenuta, a torto, la "…

Cellule staminali in grado di pr…

Pronte le prime cellule s…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: attivita’ bilingue allontana la demenza

Parlare due lingue mette il ‘turbo’ al cervello, e allontana anche il rischio di Alzheimer. Lo afferma uno studio presentato al meeting della American Association for the Advancement of Science in corso a Washington.

I ricercatori dell’Universita’ di Toronto hanno studiato 211 pazienti affetti da Alzheimer, meta’ dei quali erano bilingui, mentre il resto parlava una lingua sola. Nel primo gruppo la malattia era stata diagnosticata in media 4,3 anni piu’ tardi, e i sintomi si sono manifestati 5,1 anni dopo gli altri. ”L’effetto – hanno spiegato gli esperti – e’ maggiore se la seconda lingua viene imparata da piccoli, ma una certa protezione si ha anche se la si impara intorno ai 40-50 anni”.

Secondo i ricercatori intervenuti alla conferenza inoltre non e’ vero che conoscere due lingue genera ‘confusione’ nei processi cerebrali, anzi: il cervello, allenato dal continuo switch tra le due lingue, impara a gestire meglio i processi ‘multitasking’. Alcune ricerche in corso, hanno concluso, dimostrerebbero che la conoscenza di due linguaggi diversi modifica addirittura la struttura delle connessioni cerebrali.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x