Un cerotto che ci rende invisibi…

Scienziati creano un ad…

Mieloma multiplo: uno studio apr…

Dalla ricerca italiana nu…

Organi in provetta partendo da s…

Ricostruire organi interi…

Un anticorpo "jolly" in grado di…

Esplora il significat…

Pillola anticoncezionale: come c…

L'uso della pillola antic…

Cresce in Lombardia la richiesta…

 In aumento i trapianti d…

Il 28 marzo e' ripartito il conc…

Vivere oltre la Sclerosi …

Ormone della crescita in eta' ma…

[caption id="attachment_1…

il centro Nerviano Medical Scien…

[caption id="attachment_6…

In neurologia gli equivalenti of…

Affrontato a Milano il te…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Fotografati i neuroni dell’aggressivita’: l’antidoto? L’amore.

‘Fotografati’ nel cervello i neuroni dell’aggressività. Una tecnica che combina genetica e ottica ha permesso, infatti, di localizzare – per il momento solo nel cervello del topo – una popolazione di neuroni che guidano esclusivamente il comportamento aggressivo. Ebbene, sembra che nella fase di passione tipica dell’accoppiamento, questi neuroni siano ‘disattivati’.

Lo studio, pubblicato su ‘Nature’, rivela infatti che questi neuroni ‘attaccabrighe’ sono localizzati nell’ipotalamo ventromediale e sono in connessione con altri neuroni, importanti proprio nell’accoppiamento. Il team di Dayu Lin della New York University spiega che, ‘bersagliando’ i neuroni dell’aggressività – e dunque stimolandoli – si possono scatenare comportamenti inopportunamente aggressivi negli animali maschi, contro oggetti inanimati e femmine.

Ulteriori analisi hanno rivelato che i neuroni che si attivano durante un’aggressione si spengono nel momento dell’accoppiamento. Cosa che suggerisce, concludono gli autori, una competizione tra i due comportamenti.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi