Calcoli alla colecisti, un probl…

Presso l’Azienda Ospeda…

Superbatterio in GB: è allarme c…

Il pericolo corre sul bu…

Distrofia Muscolare: riunione a …

I massimi esperti sulla …

Il legame tra osteoporosi e insu…

L’assottigliarsi delle os…

Osservatorioinfluenza.it si rinn…

Una sezione dettagliata s…

Ancora il latte materno, e testi…

Una donna, dopo aver rice…

Studio evidenzia legame tra prot…

Una ricerca innovativa da…

Smentita la "bufala" del batteri…

Anche Halomonas GFAJ-1, i…

Aggiornamento dei foglietti illu…

Roma, 7 maggio 2014 - “E’…

Sale: 9 italiani su 10 esagerano…

Un cucchiaino da te' in m…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Fotografati i neuroni dell’aggressivita’: l’antidoto? L’amore.

‘Fotografati’ nel cervello i neuroni dell’aggressività. Una tecnica che combina genetica e ottica ha permesso, infatti, di localizzare – per il momento solo nel cervello del topo – una popolazione di neuroni che guidano esclusivamente il comportamento aggressivo. Ebbene, sembra che nella fase di passione tipica dell’accoppiamento, questi neuroni siano ‘disattivati’.

Lo studio, pubblicato su ‘Nature’, rivela infatti che questi neuroni ‘attaccabrighe’ sono localizzati nell’ipotalamo ventromediale e sono in connessione con altri neuroni, importanti proprio nell’accoppiamento. Il team di Dayu Lin della New York University spiega che, ‘bersagliando’ i neuroni dell’aggressività – e dunque stimolandoli – si possono scatenare comportamenti inopportunamente aggressivi negli animali maschi, contro oggetti inanimati e femmine.

Ulteriori analisi hanno rivelato che i neuroni che si attivano durante un’aggressione si spengono nel momento dell’accoppiamento. Cosa che suggerisce, concludono gli autori, una competizione tra i due comportamenti.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi