Ebola: un vaccino sviluppato in …

Un vaccino per l'Ebola sv…

Diagnosi precoce per i bambini d…

I bambini a rischio, ossi…

Catastrofi cromosomiche accelera…

[caption id="attachment_1…

I farmacisti non sono una lobby …

Roma, 4 gennaio 2013– ““E…

Gel innovativo in grado di favor…

Un gruppo di ricercatori…

Marea nera: guerra batteriologic…

[caption id="attachment_8…

Merck Serono lancia “La mia voce…

  L’app “La mia voc…

Gilead annuncia le percentuali d…

SVR12 nel 96% dei pazient…

Malattie neurodegenerative e pro…

Una cattiva regolazione d…

Ormone per curare il diabete com…

Un ormone con proprieta'…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Fotografati i neuroni dell’aggressivita’: l’antidoto? L’amore.

‘Fotografati’ nel cervello i neuroni dell’aggressività. Una tecnica che combina genetica e ottica ha permesso, infatti, di localizzare – per il momento solo nel cervello del topo – una popolazione di neuroni che guidano esclusivamente il comportamento aggressivo. Ebbene, sembra che nella fase di passione tipica dell’accoppiamento, questi neuroni siano ‘disattivati’.

Lo studio, pubblicato su ‘Nature’, rivela infatti che questi neuroni ‘attaccabrighe’ sono localizzati nell’ipotalamo ventromediale e sono in connessione con altri neuroni, importanti proprio nell’accoppiamento. Il team di Dayu Lin della New York University spiega che, ‘bersagliando’ i neuroni dell’aggressività – e dunque stimolandoli – si possono scatenare comportamenti inopportunamente aggressivi negli animali maschi, contro oggetti inanimati e femmine.

Ulteriori analisi hanno rivelato che i neuroni che si attivano durante un’aggressione si spengono nel momento dell’accoppiamento. Cosa che suggerisce, concludono gli autori, una competizione tra i due comportamenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi