Aggiornamento dei foglietti illu…

Roma, 7 maggio 2014 - “E’…

Flagelli: alla scoperta dei ritm…

Nuove scoperte effettuate…

Dal CNR: lenti multifocali fluid…

Ordinati come un cristall…

Clonazione "naturale": i coralli…

La clonazione esiste in n…

Tumore colon retto: bassa l'ades…

TUMORE DEL COLON RETTO:…

Ulcera gastrica curata con le na…

Un paziente con una grave…

La prima volta che il DNA sintet…

Ci sono riusciti i ricerc…

Nuove scoperte per migliorare la…

[caption id="attachment_8…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Un gene che ripara i polmoni dallo stress

Un gene protegge i polmoni dal danneggiamento dovuto allo stress causato da un trapianto o una polmonite. Lo hanno scoperto i ricercatori della Washington University, secondo cui ora e’ possibile sviluppare trattamenti per ridurre questo tipo di complicazioni.

In una serie di esperimenti, pubblicati sul ‘Journal of Clinical Investigation’, i ricercatori hanno scoperto che nei topi gli stress acuti al polmone provocano la produzione di un citochina chiamata G-Csf, che a sua volta stimola la produzione di neutrofili, che combattono l’infezione ma se presenti in quantita’ eccessiva attaccano i tessuti stessi dell’organo, con danni irreversibili.

Il gene bcl3 regola questa produzione, mentre in chi ne e’ privo la crescita dei neutrofili e’ incontrollata, e provoca danni gravi al polmone. “I danni acuti sono un problema molto serio”, ha spiegato Andrew Gelman, uno degli autori, “il polmone tende a riempirsi di fluidi impedendo di respirare, e al momento non ci sono farmaci per combattere questa condizione”. Secondo i ricercatori e’ possibile studiare un medicinale che impedisca l’innescarsi della catena di reazioni, o agisca direttamente sul bcl3 o sul G-Csf.
Sopprimendo il secondo, ad esempio, si ottiene una produzione minore di neutrofili, ma comunque sufficiente a combattere l’infezione.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x