Allarme depressione: riguarda un…

[caption id="attachment_9…

Disfunzione erettile e incontine…

I disturbi del sonno asso…

Alzheimer: quanto lo smog incide…

Con l'aria inquinata si r…

Epatite A: vaccino su infanti co…

La vaccinazione contro il…

AIDS: due pazienti liberi da HIV…

Due uomini sieropositivi …

Tumori: nuova tecnica per indivi…

Un gruppo di scienziati …

L'ormone di salute e sazietà nel…

Ricercatori in Svezia han…

Infiammazioni intestinali: più f…

Non ricevere un tipo di a…

Vitamina C: due kiwi al giorno p…

Grazie ad effetti ben…

Depressione: identificato nuovo …

[caption id="attachment_9…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: l’origine ‘epatica’ del morbo come nuova ipotesi

L’Alzheimer potrebbe nascere nel fegato, e non nel cervello. L’ipotesi viene da uno studio pubblicato sul ‘Journal of Neuroscience Research’, secondo cui le placche amiloidi responsabili della malattia si formerebbero proprio in questo organo.

I ricercatori dello Scripps Research Institute hanno studiato in alcuni modelli animali le mutazioni genetiche legate all’Alzheimer, trovando che tre di queste regolano la formazione delle placche amiloidi. Un basso livello di espressione di questi tre geni nel fegato, spiegano gli autori, riduce la formazione delle placche nel cervello.
“Questo suggerisce che una concentrazione significativa di placche si origina nel fegato, circola nel sangue e entra nel cervello – ha spiegato Greg Sutcliffe, uno dei ricercatori – se il risultato fosse confermato bloccare la produzione nel fegato dovrebbe proteggere anche il cervello. Questo semplificherebbe molto la ricerca di nuovi trattamenti”.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x