Meccanismo di azione degli inibi…

[caption id="attachment_9…

Domani la consegna degli AboutPh…

Milano, 25 ottobre 2016 –…

Due le molecole della memoria e …

Si chiamano MAPK e PKA e …

Cellule staminali nei topi in gr…

Gli scienziati della …

Elasticità muscolare: scoperta l…

Un team di ricercatori d…

DNA: da quattro a otto le basi o…

Per decenni, gli scienzia…

La Cannabis rallenta la sclerosi…

Ormai da diversi anni ric…

Il Presidente della FIMP: “L’inf…

Praga, 10 Maggio 2012 –…

Come reagiscono i fumatori dopo …

Un sostanziale numero di …

Fecondazione: nuovo metodo per i…

Si chiama "Istone H2AX" e…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: l’origine ‘epatica’ del morbo come nuova ipotesi

L’Alzheimer potrebbe nascere nel fegato, e non nel cervello. L’ipotesi viene da uno studio pubblicato sul ‘Journal of Neuroscience Research’, secondo cui le placche amiloidi responsabili della malattia si formerebbero proprio in questo organo.

I ricercatori dello Scripps Research Institute hanno studiato in alcuni modelli animali le mutazioni genetiche legate all’Alzheimer, trovando che tre di queste regolano la formazione delle placche amiloidi. Un basso livello di espressione di questi tre geni nel fegato, spiegano gli autori, riduce la formazione delle placche nel cervello.
“Questo suggerisce che una concentrazione significativa di placche si origina nel fegato, circola nel sangue e entra nel cervello – ha spiegato Greg Sutcliffe, uno dei ricercatori – se il risultato fosse confermato bloccare la produzione nel fegato dovrebbe proteggere anche il cervello. Questo semplificherebbe molto la ricerca di nuovi trattamenti”.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x