Quando l'aterosclerosi provoca m…

Un nuovo studio pubblicat…

Tumore al polmone: dopo il fumo …

La 'Relazione sullo stato…

Chetamina contro la depressione

La chetamina potrebbe aiu…

Dall'Austria la pillola che cura…

[caption id="attachment_5…

Abbronzatura: in grado di produr…

Il Sole e' come una droga…

HIV: ricerca italiana scopre met…

Un team dell'Istituto sup…

Immuno-oncologia: quarta reale a…

Roma, 27 ott 2014 - Poten…

Rene policistico: scoperto gene …

Scoperto il gene che caus…

Artroscopia per riparare la cavi…

Nel mondo dello sport è c…

FDA pone il suo OK sul test rapi…

La Food and drug administ…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: l’origine ‘epatica’ del morbo come nuova ipotesi

L’Alzheimer potrebbe nascere nel fegato, e non nel cervello. L’ipotesi viene da uno studio pubblicato sul ‘Journal of Neuroscience Research’, secondo cui le placche amiloidi responsabili della malattia si formerebbero proprio in questo organo.

I ricercatori dello Scripps Research Institute hanno studiato in alcuni modelli animali le mutazioni genetiche legate all’Alzheimer, trovando che tre di queste regolano la formazione delle placche amiloidi. Un basso livello di espressione di questi tre geni nel fegato, spiegano gli autori, riduce la formazione delle placche nel cervello.
“Questo suggerisce che una concentrazione significativa di placche si origina nel fegato, circola nel sangue e entra nel cervello – ha spiegato Greg Sutcliffe, uno dei ricercatori – se il risultato fosse confermato bloccare la produzione nel fegato dovrebbe proteggere anche il cervello. Questo semplificherebbe molto la ricerca di nuovi trattamenti”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!