Connessioni fra neuroni: il ruol…

Se nel modello animale, d…

Retacrit™ sarà la prima epoetina…

Retacrit™ ha ottenut…

Epo: su malati di Sla risultati …

[caption id="attachment_1…

Meningite: scienziati scoprono i…

[caption id="attachment_2…

Nascite premature: scoperta la p…

Scienziati scoprono nell’…

Cancro alla prostata: identifica…

Per la prima volta, s…

AIDS: trapianto di midollo potre…

"Negli ultimi mesi si son…

Resveratrolo contro diabete e di…

Il resveratrolo, una dell…

Epatite C: in Italia virus elimi…

(Ansa) Le terapie con far…

Sepsi grave a causa del gruppo E…

[caption id="attachment_9…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: l’origine ‘epatica’ del morbo come nuova ipotesi

L’Alzheimer potrebbe nascere nel fegato, e non nel cervello. L’ipotesi viene da uno studio pubblicato sul ‘Journal of Neuroscience Research’, secondo cui le placche amiloidi responsabili della malattia si formerebbero proprio in questo organo.

I ricercatori dello Scripps Research Institute hanno studiato in alcuni modelli animali le mutazioni genetiche legate all’Alzheimer, trovando che tre di queste regolano la formazione delle placche amiloidi. Un basso livello di espressione di questi tre geni nel fegato, spiegano gli autori, riduce la formazione delle placche nel cervello.
“Questo suggerisce che una concentrazione significativa di placche si origina nel fegato, circola nel sangue e entra nel cervello – ha spiegato Greg Sutcliffe, uno dei ricercatori – se il risultato fosse confermato bloccare la produzione nel fegato dovrebbe proteggere anche il cervello. Questo semplificherebbe molto la ricerca di nuovi trattamenti”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi