Aviaria killer in Cina:

Anche una donna in fin di…

Per i naufraghi del Giglio primi…

Roma, 16 gennaio 2012 - N…

Danni renali acuti: scoperto nuo…

Scoperto un potenziale …

I macachi, che solidarizzano nel…

La consolazione spontane…

Rivaroxaban ottiene la rimborsab…

Milano, 29 Agosto 2014 – …

Gastroenterite: aumentano negli …

Aumenta il numero di pers…

L'olfatto dei cani in grado di f…

Grazie alla sensibili…

L’Italia dice addio alla fenform…

L’allarme, lanciato …

Beta-amiloide associata alla rig…

I depositi di beta amilo…

Nel giorno delle professioni i f…

Roma, 1° marzo 2012 - Il …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cloro in piscina con troppo cloro: si sta dimostrando il rischio di tumori alla vescica

E’ fra gli sport più benefici, ma secondo un team di ricercatori del Centro per la ricerca in epidemiologia ambientale di Castilla La Mancha (Spagna) nuotare troppo spesso nell’acqua disinfettata col cloro potrebbe esporre al rischio di tumori, in particolare della vescica.


Sulla rivista ‘BioMed Central’, Gemma Castaqo-Vinyals e il suo team spiegano che la colpa è di alcune sostanze presenti in questo tipo di piscine, cioé i trialometani: gli habitué delle vasche, ma anche chi effettua semplici bagni o persino docce con acqua al cloro, hanno più chance di assorbire queste componenti nel proprio organismo attraverso la pelle.

La verifica è stata effettuata studiando 1.270 persone: una parte aveva assunto da qualche tempo l’abitudine di bere solo acqua in bottiglia per evitare i rischi dell’acqua potabile collegati proprio con i trialometani. Ebbene, è emerso che tutti i benefici assicurati da questa abitudine vengono annullati se si frequenta una piscina. “Le persone credono di poter annullare i rischi di tumore bevendo solo acqua in bottiglia – spiega Castaqo-Vinyals – e facendo movimento in piscina. Ma in realtà l’effetto si annulla”. Niente allarmismi però: gli esperti ribadiscono che il pericolo di cancro rimane basso.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi