Spiegata correlazione tra emicra…

[caption id="attachment_5…

Un software per liberare i ricer…

Scienziati finanziati dal…

Ketamina: molecola con poteri a…

[caption id="attachment_8…

Neuroni specializzati nella dist…

Alcune ricerche condotte…

Tumori: il DNA con l'età perde l…

Con l'invecchiamento il D…

Nanoparticelle magnetiche 'frigg…

'Friggere' le cellule tum…

Genova, convegno internazionale …

[caption id="attachme…

Trapianto di polmone da donatore…

Al Policlinico di Milano …

AIDS: la FDA approva la prima pi…

La Food and Drug Administ…

Alzheimer: scala le classifiche …

Fino a oggi l’Alzheimer s…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Protesi all’anca: nuovo protocollo con meno rischi e minor tempo per riabilitazione

Nuovo protocollo chirurgico per la protesi d’anca: dopo cinque giorni si va a casa, senza necessità di una lunga fisioterapia e riducendo al contempo i rischi di complicanze.

Il protocollo è frutto dell’attività del gruppo ‘Anca Clinic’, centro di fama internazionale specializzato nella chirurgia dell’anca, con sede a Roma e a Ghent (Belgio), diretto da un pioniere in questo settore, Koen de Smet, e da Alessandro Calistri.

“Sono noti i rischi principali legati alle protesi di anca: mobilizzazione asettica, infezione, rischio trombo embolico, lussazione – spiega Calistri, specialista in ortopedia e traumatologia – il protocollo non prevede deposito di sangue preoperatorio, né trasfusioni postoperatorie, né l’uso di cateteri vescicali e drenaggi, con rimozione dell’ago-cannula al secondo giorno post operatorio. Tutto ciò – assicura – abbatte il rischio infettivo”. Il paziente ritorna a stare in piedi e a camminare in meno di 24 ore, utilizzando calze antitrombo inserite fin dalla sala operatoria, “mentre una terapia anticoagulante abbatte il rischio tromboembolico”.

“La via di accesso postero-laterale modificata – aggiunge – dimezza i tempi chirurgici (45 minuti). Grazie alla conservazione del tessuto muscolare e osseo, poi, si abbatte il rischio di mal posizionamento e quindi di mobilizzazione precoce dell’impianto”. Inoltre in questo modo, anche grazie a impianti di nuova generazione a largo diametro, si abbatte il pericolo di lussazione. Il nuovo protocollo offre anche il vantaggio di “tempi di riabilitazione ridotti. Il paziente – prosegue Calistri – torna a casa al quinto giorno ed esegue gli esercizi imparati durante la degenza”. In caso di bisogno, al massimo due volte a settimane viene seguito da un fisioterapista, mentre non sono più necessari ricoveri prolungati per la riabilitazione. “Il paziente – conclude – toglie la stampella e può tornare a guidare la macchina dopo due settimane”.(Adnkronos Salute)

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!