Dipendenza da Facebook? A.I.D.A:…

Cresce la sindrome del ‘M…

Scoperti nuovi geni legati all'A…

[caption id="attachment_2…

Un nuovo composto per impedire l…

Buone news sul fronte vir…

Fernando Aiuti: un esempio prezi…

"Se oggi l’infezione da H…

Vaccino veicolato da bioimpianto…

...anche se la sensaziona…

Staminali e terapia genica: Tele…

Lo straordinario tragua…

Resveratrolo contrasta l'insorge…

Il resveratrolo, una mole…

Tumori: al Regina Elena istruzio…

Il tumore al seno uccide …

Ustioni: cellule staminali embri…

Cellule staminali embrion…

Tumori: molecola identifica cell…

La chemioterapia e' piu' …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Protesi all’anca: nuovo protocollo con meno rischi e minor tempo per riabilitazione

Nuovo protocollo chirurgico per la protesi d’anca: dopo cinque giorni si va a casa, senza necessità di una lunga fisioterapia e riducendo al contempo i rischi di complicanze.

Il protocollo è frutto dell’attività del gruppo ‘Anca Clinic’, centro di fama internazionale specializzato nella chirurgia dell’anca, con sede a Roma e a Ghent (Belgio), diretto da un pioniere in questo settore, Koen de Smet, e da Alessandro Calistri.

“Sono noti i rischi principali legati alle protesi di anca: mobilizzazione asettica, infezione, rischio trombo embolico, lussazione – spiega Calistri, specialista in ortopedia e traumatologia – il protocollo non prevede deposito di sangue preoperatorio, né trasfusioni postoperatorie, né l’uso di cateteri vescicali e drenaggi, con rimozione dell’ago-cannula al secondo giorno post operatorio. Tutto ciò – assicura – abbatte il rischio infettivo”. Il paziente ritorna a stare in piedi e a camminare in meno di 24 ore, utilizzando calze antitrombo inserite fin dalla sala operatoria, “mentre una terapia anticoagulante abbatte il rischio tromboembolico”.

“La via di accesso postero-laterale modificata – aggiunge – dimezza i tempi chirurgici (45 minuti). Grazie alla conservazione del tessuto muscolare e osseo, poi, si abbatte il rischio di mal posizionamento e quindi di mobilizzazione precoce dell’impianto”. Inoltre in questo modo, anche grazie a impianti di nuova generazione a largo diametro, si abbatte il pericolo di lussazione. Il nuovo protocollo offre anche il vantaggio di “tempi di riabilitazione ridotti. Il paziente – prosegue Calistri – torna a casa al quinto giorno ed esegue gli esercizi imparati durante la degenza”. In caso di bisogno, al massimo due volte a settimane viene seguito da un fisioterapista, mentre non sono più necessari ricoveri prolungati per la riabilitazione. “Il paziente – conclude – toglie la stampella e può tornare a guidare la macchina dopo due settimane”.(Adnkronos Salute)

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi