La crisi occupazionale rende ind…

Roma, 23 ottobre 2014- “E…

Alcol: sistema immunitario indeb…

[caption id="attachme…

[Assobiotech] I vaccini a DNA: u…

Dall'ingegneria genet…

Radiologia del terzo millennio: …

E' nata la radiologia del…

Il sole è pericolo per chi ha ta…

Spesso sottovalutato, il …

Stesso virus della passata stagi…

I SONDAGGI* DI WWW.OSSERV…

Fase sperimentale di un farmaco …

[caption id="attachment_5…

Genetica: sono i telomeri l'orac…

I telomeri possono effett…

Nobel 2014 Medicina e coniugi Mo…

I coniugi norvegesi Edvar…

Ictus: la gravidanza può essere …

I casi di ictus legato al…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Microscopio multitouch: tra ‘Minority Report’ e Google Maps

Un gruppo di ricercatori finlandesi ha creato un innovativo microscopio che risponde ai movimenti di dita e mano su un touch screen gigante.

Il “microscopio multitouch” è frutto della collaborazione tra i ricercatori dell’Institute for Molecular Medicine Finland (FIMM) e l’azienda finlandese Multitouch Ltd, specializzata in display multitouch professionali e piattaforme software che supportano ambienti multiutente.

Il microscopio funziona come una sorta di touch screen interattivo gigante e può essere operato da vari utenti, aprendo nuove opportunità per l’insegnamento e la ricerca.

“Lo schermo gigante, di almeno 46 pollici, assomiglia a un iPad sotto steroidi”, spiega il ricercatore Johan Lundin, uno degli sviluppatori. “L’esperienza di osservazione del campione ricorda le immagini di Google Maps mescolate con l’interfaccia utente del film ‘Minority Report'”.

L’esperienza per l’utente che ne risulta rappresenta un modo totalmente nuovo di concepire la microscopia. Semplicemente toccando uno schermo gigante (un tavolo o uno schermo da muro), l’utente può navigare e zoomare all’interno di un campione microscopico esattamente come farebbe con un microscopio tradizionale. Utilizzando i comandi sensibili al tocco, però, può muoversi dalle dimensioni reali del campione fino a un ingrandimento di 1.000 volte, che permette di osservare le cellule e addirittura i dettagli subcellulari.

Il microscopio digitalizza i campioni biologici tramite uno scanner microscopico e li archivia su un server di immagini. I campioni visualizzati sullo schermo vengono letti continuamente dal server tramite Internet; ognuno può arrivare a pesare fino a 200 GB.

Si auspica che l’accessibilità del formato riesca a incoraggiare un maggior numero di studenti a cimentarsi con la microscopia. Gli sviluppatori ritengono che il metodo utilizzato rivoluzionerà l’insegnamento della materia, permettendo a un gruppo di studenti di osservare il display insieme all’insegnante ed esaminare lo stesso campione. La funzione multitouch del microscopio consentirà inoltre a tutta la classe di lavorare contemporaneamente su un unico campione biologico, favorendo la partecipazione degli studenti.

“Il microscopio multitouch arricchisce di una nuova dimensione l’insegnamento interattivo e la curva di apprendimento è praticamente nulla se raffrontata alla microscopia tradizionale, che può essere piuttosto ostica per gli studenti”, spiega Lundin.

Lundin sottolinea inoltre che il microscopio sarà prezioso nei congressi scientifici e in tutte “le situazioni in cui un gruppo di utenti deve osservare allo stesso tempo un campione microscopico, ad esempio quando è necessario raggiungere un consenso su una nuova entità patologica o su un caso raro”.

Il microscopio multitouch è forte del successo di un’altra innovazione finlandese, un microscopio virtuale basato sul Web (WebMicroscope) sviluppato qualche anno fa dai ricercatori delle università di Helsinki e Tampere. Il WebMicroscope è stato accolto con favore dagli studenti e viene utilizzato in una dozzina di atenei europei e in vari paesi ai fini dell’assicurazione di qualità in laboratorio.

Nella microscopia virtuale, viene creata una copia digitale di un campione su un vetrino. Il vetrino digitale consiste di un massimo di 50.000 immagini digitali separate allineate in un mosaico che rappresenta l’intero campione ad alto ingrandimento. Il mosaico può essere osservato su Internet utilizzando un normale browser e l’utente può selezionare qualunque area o ingrandimento preferisca come nella microscopia tradizionale.

Il FIMM è un istituto internazionale di ricerca che mira a costruire un ponte tra una scoperta e le sue applicazioni mediche e studia i meccanismi molecolari delle patologie utilizzando la genomica e la biologia dei sistemi medici per promuovere la salute umana. Questo ente multidisciplinare è in grado di coniugare scienza di elevata qualità, materiali unici e tecnologie all’avanguardia.

Per maggiori informazioni:

Institute for Molecular Medicine Finland (FIMM):
http://www.fimm.fi

 

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!