Lettera Esperti a Ministro Loren…

Riceviamo e pubblichiamo …

Autismo: 'scagionati' quasi del …

[caption id="attachme…

Un Cannabinoide, molecola del pi…

Il tartufo, in particolar…

Fumo in gravidanza: mina la futu…

Esporre il feto al fu…

Dieta: quale circolo vizioso nel…

In chi e' obeso si in…

Una proteina che attiva gli sper…

Si chiama PLCz e avvia un…

La predisposizione molecolare al…

Un nuovo studio fornisce …

Celiachia e gravidanza:l’importa…

Milano, maggio 2014 – La …

Controllare i battiti cardiaci t…

[caption id="attachment_8…

Lupus: chiarimenti sull'insorgen…

[caption id="attachment_7…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumori della pelle: presto fine alle dolorose biopsie cutanee

L’Istituto dermatologico San Gallicano (Isg) conferma l’efficacia della microscopia confocale, tecnologia di recente applicazione in grado di fornire in tempo reale immagini microscopiche ad alta risoluzione in modo innocuo, infinitamente ripetibile, che non provoca dolore al paziente e permette di sostituire le indagini invasive quali le biopsie.

La microscopia confocale in vivo, come dimostrano gli specialisti Isg, ha applicazioni in ambito oncodermatologico: melanoma e tumori cutanei come il carcinoma basocellulare o quello spino cellulare, nonche’ in ambito di malattie infiammatorie come psoriasi, eczema, collagenopatie, melasma, vitiligine, e in cosmetologia. Recenti studi condotti da ricercatori del San Gallicano insieme con un gruppo di Miami evidenziano ulteriormente i vantaggi ottenuti dall’impiego di questa tecnica d’avanguardia per monitorare l’efficacia di terapie contro l’alopecia del cuoio capelluto. “La risoluzione d’immagine della tecnica confocale”, ha spiegato Ardigo’, “e’ sovrapponibile a quella della microscopia ottica standard e permette di ottenere informazioni analoghe senza dover sottoporre il paziente a dolorose biopsie cutanee, che oltretutto lasciano cicatrici. Grazie alla assoluta non invasivita’, l’indagine puo’ essere ripetuta su piu’ lesioni cutanee nella stessa seduta e piu’ volte nel tempo, al fine di controllare, nel caso delle malattie cutanee, i cambiamenti microscopici e valutare l’efficacia delle terapie adottate”. Il gruppo di Marco Ardigo’, del dipartimento di Dermatologia Clinica dell’Istituto San Gallicano di Roma guidato da Enzo Berardesca, in associazione con il team di Antonella Tosti della Leonard Miller School of Medicine University di Miami, dimostra in due lavori (pubblicati sulle riviste ‘British Journal of Dermatology’ e ‘Archives of Dermatology’) l’efficacia della microscopia confocale nell’offrire indispensabili indicazioni sull’alopecia areata e quella androgenetica. “Il monitoraggio terapeutico mediante l’associazione tra tricoscopia e microscopia confocale offre scenari molto promettenti in questo campo”, ha spiegato Berardesca, “i pazienti che hanno eseguito regolarmente il follow-up mediante tecnica confocale hanno ottenuto risultati migliori rispetto a quelli in cui la risposta terapeutica e’ stata valutata solamente attraverso la clinica e/o la tricoscopia. La possibilita’ di modulare la terapia in relazione ai dati riscontrati e’ un ottimo criterio per ottimizzare le cure”. L’obiettivo e’ proseguire in questa direzione anche per altre forme di patologie cutanee.

 

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!