Magnesio contro il declino cogni…

Mentre una carenza di mag…

Fibrosi dei tessuti: piccola pro…

Una piccola proteina chia…

Terapia genica per contrastare l…

[caption id="attachme…

Scoperta proteina della memoria:…

Scoperta la proteina 'd…

‘Festa dei Nonni’, un’occasione …

Roma, 30 settembre 2016 –…

Staminali neuronali: più facile …

Se si utilizzano struttur…

Come l'aglio si ritrova ad esser…

Un composto presente nel …

Cancro al seno: tamoxifene riduc…

L'uso del farmaco preven…

Semplificata la produzione dei c…

[caption id="attachment_1…

Psoriasi, il vero pericolo è che…

Le persone affette da…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: una risonanza potrebbe predirla ben 10 anni prima

Con una risonanza al cervello l’Alzheimer puo’ essere scoperto con dieci anni di anticipo. Lo afferma uno studio pubblicato dalla rivista Neurology, secondo cui i primi segni di diminuzione della materia grigia in alcune aree precedono di molto la comparsa dei sintomi.

La ricerca ha coinvolto 65 volontari sani di mezza eta’, a cui e’ stata fatta una risonanza che ha definito le dimensioni e lo spessore di diverse aree cerebrali. Tra quelli che avevano un cervello nella media, spiegano gli autori del Massachussets General Hospital, il 20 per cento ha sviluppato l’Alzheimer nel periodo di studio, mentre nessuno di quelli che avevano dimensioni superiori ha avuto la malattia.

Nel caso di cervelli di dimensioni sotto la media, invece, la percentuale dei malati e’ stata del 55 per cento. “Abbiamo usato le informazioni che avevamo sugli effetti dell’Alzheimer sul cervello – hanno spiegato gli autori – determinando che in molti casi quelli che sviluppano la malattia hanno una piccola diminuzione delle aree cerebrali molto prima che ci siano i sintomi. Una volta confermata su un numero maggiore di pazienti l’informazione puo’ essere usata per la diagnosi precoce”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!