Epatite C: prossima definitiva c…

''Nei prossimi anni conti…

Neuroni: la loro memoria 'comand…

E' l'attivazione dei dend…

Le statine, e l'azione inibente …

Le statine ipocolesterole…

Eiaculazione precoce: a Salerno …

In occasione del 13° Cong…

Alcol: scoperto interruttore mol…

Individuata una mole…

Tumore al pancreas: intervento e…

[caption id="attachment_1…

Prima giornata nazionale di sens…

PRIMA GIORNATA NAZIONALE …

La doppia ..personalita' del DNA

La doppia elica del DNA p…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Batteri intestinali: dividono la popolazione mondiale in tre grandi gruppi (enterotipi)

Si chiamano “enterotipi”, sono di tre tipologie e dividono la popolazione mondiale in altrettanti gruppi a seconda dei loro batteri intestinali: è quanto emerge dall’ultimo studio del MetaHIT, il Consorzio internazionale del microbioma umano, pubblicati oggi su Nature.

Al pari dei gruppi sanguigni, che suddividono la popolazione mondiale a prescindere da sesso, età e provenienza geografica, lo studio ha identificato tre raggruppamenti di batteri intestinali, chiamati “enterotipi”, nei quali possono essere classificati tutti gli esseri umani. La scoperta apre nuove strade a una migliore comprensione della biologia umana e a diverse applicazioni nel campo della scienza medica e della nutrizione.

I ricercatori dell’EMBL, il laboratorio Europeo di Biologia Molecolare, hanno analizzato un’ingente mole di dati raccolti da tre diverse indagini epidemiologiche – la prima ha coinvolto 39 soggetti provenienti da Europa, Asia e America, la seconda 85 cittadini danesi e la terza 154 americani.

Dai dati è emerso che nella popolazione umana esistono tre diversi gruppi di specie batteriche intestinali con funzioni specifiche: ognuno di noi, oltre ad avere il proprio gruppo sanguigno, appartiene anche a uno di questi tre “enterotipi”. Non solo. Sono stati inoltre identificati i geni di alcuni batteri che possono essere utilizzati come indicatori di invecchiamento o di malattia: questo significa che il tipo di comunità batterica del nostro intestino costituisce anche un segnale del nostro stato di salute. “La scoperta degli enterotipi è destinata ad avere un forte impatto sulla biologia umana, che d’ora in poi dovrà tener conto della loro esistenza e dei loro effetti – spiega Maria Rescigno, direttore dell’Unità di ricerca in Immunobiologia delle cellule dendritiche e immunoterapia al Dipartimento di oncologia sperimentale dell’Istituto Europeo di Oncologia,tra gli autori dello studio -. Poter attribuire ciascun individuo a uno specifico gruppo di appartenenza significa infatti identificare meglio le sue specifiche necessità e il suo rischio di sviluppare alcune malattie. Questo avrà importanti conseguenze sia nella medicina preventiva sia nella scienza dell’alimentazione”. (ASCA)

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!