Dolore: stop a FANS e COXIB nell…

Ridurre l’uso improprio d…

Sindrome da X fragile: trial di …

Il farmaco è progettato p…

L'autosufficienza piena nella pr…

Roma, 20 febbraio 201…

AIFA revoca il divieto a scopo c…

Riconfermate la sicurez…

FDA pone il suo OK sul test rapi…

La Food and drug administ…

Cancro al seno: proteina chiave …

Inibendo una specifica pr…

Meet The Company TEVA: oltre il …

Si inaugura il primo di u…

l'area del cervello in cui vengo…

[caption id="attachme…

Dall'uomo al moscerino della fru…

Una nuova ricerca ha dimo…

Cancro alla prostata: il vaccino…

Un trattamento che utili…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Pillola anticoncezionale di terza generazione: a rischio coaguli

La pillola anticoncezionale di terza generazione aumenta il rischio di coaguli di sangue fino a tre volte rispetto a quella tradizionale.

Lo hanno scoperto due studi, uno britannico e uno statunitense, pubblicati dal British Medical Journal. Entrambe le ricerche hanno confrontato il contraccettivo a base di drospirenone, piu’ moderno, con il tradizionale levonorgestrel. Lo studio americano, dell’universita’ di Boston, ha trovato la formazione dei coaguli su 30,8 donne ogni 100 mila nel caso della pillola piu’ recente, e di 12,5 su 100 mila per quella tradizionale.

I ricercatori inglesi invece hanno trovato numeri diversi, con un valore di 23 su 100 mila per la prima e 9,1 su 100mila per la seconda. “Questi risultati confermano quelli di altri studi recenti – scrivono gli autori – e in assenza di altre indicazioni implicano che la pillola tradizionale e’ piu’ sicura, e dovrebbe essere la prima scelta da parte del medico”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi