“Arricchire le conoscenze per mi…

Dal confronto tra esperti…

Test genetici online: decisament…

I test genetici predittiv…

Demenza frontotemporale: la muta…

C'è un difetto nelle vie …

Obesità: non sempre i trattament…

Una formula comune utiliz…

Epilessia: scoperto il regolator…

Scoperto un singole gene …

Nuovo promettente farmaco per l…

[caption id="attachment_1…

Pediatria: per lo sviluppo cereb…

«Con un'alimentazione pri…

Mammografie: esperti riscontrano…

Fino a un quarto dei casi…

Second Sight annuncia il success…

Sylmar, California - 6 ma…

Il segreto della longevita': si …

Il nobel ad una ricerca, …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Prostata ingrossata: nuova terapia

Una nuova tecnica radiologica potrebbe trattare i pazienti che hanno la prostata ingrossata, un disturbo molto frequente superata una certa eta’, senza intervenire con l’asportazione della ghiandola.

A metterla a punto sono stati i ricercatori del St. Louis Hospital di Lisbona, in Portogallo, che l’hanno presentata al meeting della Society of Interventional Radiology a Chicago. L’intervento consiste nell’embolizzazione dell’arteria prostatica, che blocca il flusso di sangue alla ghiandola. I ricercatori portoghesi l’hanno effettuata su 84 pazienti tra i 52 e gli 85 anni, ottenendo un successo del 98,5 per cento.
Settantasette pazienti hanno mostrato “decisi miglioramenti”, sei “modesti miglioramenti”, e solo uno non ha avuto nessun effetto dopo aver subito l’intervento. L’ingrossamento della prostata e’ una condizione non correlata a un tumore, ma che da’ comunque dei sintomi che vanno dall’incontinenza alla maggiore frequenza dello stimolo urinario. Il trattamento seguito di solito e’ l’asportazione della prostata, con tutti gli effetti collaterali dovuti a un intervento chirurgico e il rischio di impotenza e altre disfunzioni. “Inoltre l’asportazione puo’ essere effettuata solo su prostate non piu’ grandi di 80 centimetri cubi – hanno spiegato gli autori dello studio – mentre questa tecnica, che permette di tornare a casa dopo poche ore dall’intervento, non ha limiti di dimensioni”.
La nuova tecnica consiste nell’entrare con un catetere nel vaso sanguigno e iniettare delle piccole particelle che lo ostruiscono.

 

7
Lascia una recensione

avatar
7 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
3 Comment authors
GinogiuseppeE DE MAIO Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
E DE MAIO
Ospite
E DE MAIO

VORREI SAPERE LO STUDIO MEDICO A ROMA CHE PUò APPLICARE LA INNOVATIVA TERAPIA DEL SAINT LOUIS HOSPITAL DI LISBONA. GRAZIE

E DE MAIO
Ospite
E DE MAIO

VORREI SAPERE LO STUDIO MEDICO A ROMA CHE PUò APPLICARE LA INNOVATIVA TERAPIA DEL SAINT LOUIS HOSPITAL DI LISBONA. GRAZI

giuseppe
Ospite
giuseppe

volpe 29 luglio 2017 vorrei sapere lo studio medico a roma puo applicare la innovativa terapia del saint Louis del portogallo. se si tratta dello stesso innovativo vorrei sottopormi a una visita di controllo grazzie

giuseppe
Ospite
giuseppe

aspetto vostre notizie per un controllo più dettagliato grazzie

giuseppe
Ospite
giuseppe

aspetto vostre notizie per sottopormi a una visita di controllo nelle vostre sede autorizzate grazzie

Gino
Ospite

Ho fatto l’intervento di embolizzazione alla prostata circa 15 gg fa al San Camillo di Roma al reparto di radiologia interventistica. Tra 3 mesi e poi tra 6
mesi farò controlli graduati per vedere se la ghiandola si riduce.
Cerco qualcuno che abbia fatto analogo intervento per alcuni aspetti intimi.
Attualmente lo stato interno è ancora infiammato ma senza dolori e ne bruciori.
IL medico che legge tale blog sa suggerirmi cosa prendere per sfiammare la prostata assoggettata ad embolizzazione?

Gino
Ospite

Ho fatto l’intervento di embolizzazione alla prostata circa 15 gg fa al San Camillo di Roma al reparto di radiologia interventistica. Tra 3 mesi e poi tra 6
mesi farò controlli graduati per vedere se la ghiandola si riduce.
Cerco qualcuno che abbia fatto analogo intervento per alcuni aspetti intimi.
Attualmente lo stato interno è ancora infiammato ma senza dolori e ne bruciori.
IL medico che legge tale blog sa suggerirmi cosa prendere per sfiammare la prostata assoggettata ad embolizzazione?
Attualmente l’emissione dello sperma è con sangue per questo ritengo ancora infiammazione alla prostata ma senza alcun dolore.

Archivi