Nuovi dati pubblicati su The Lan…

I risultati di uno studio…

La teoria della memoria messa in…

Alcuni scienziati britann…

Demenza: il test dei personaggi …

I primi segni che sta…

Vertigini: studiando il perché a…

Uno nuovo studio fa luce …

Trapianto di polmone da vivente:…

Accordo in Commissione al…

Il ruolo essenziale degli Archea…

[caption id="attachme…

AL VIA LA SECONDA EDIZIONE DEL P…

Da oggi e fino al 30 nove…

Tiroide in provetta: il futuro d…

Primo test sui topi: crea…

Tumori: proteine marker del papi…

A seconda del ceppo o del…

Mappato il genoma di un feto dal…

[caption id="attachment_1…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Ricreare le malattie in provetta

Un uso creativo di cellule staminali ricavate da tessuti adulti promette di accelerare lo sviluppo di farmaci per patologie debilitanti. di Stephen S. Hall.


Ancora in attesa. Le cellule staminali embrionali sono potenzialmente utili per trattamenti contro malattie incurabili, ma finora non si sono avuti significativi progressi nel ricavarne applicazioni terapeutiche.
Una nuova idea. Anziché concentrarsi sulle cure, alcuni ricercatori ritengono che le cellule staminali siano più utili – almeno per ora – nello screening di farmaci e per studiare in che modo malattie diverse danneggiano l’organismo.

Un approccio creativo. Fino a poco tempo fa le cellule staminali necessarie per indagare questa ipotesi provenivano da embrioni. Ma nel 2007 gli scienziati sono riusciti a riprogrammare cellule umane adulte ritrasformandole in cellule staminali.
Cellule staminali su misura. I ricercatori stanno usando queste cellule riprogrammate in modo da ricreare varie malattie su una piastra di coltura. Quindi possono testare farmaci potenziali su questi campioni di tessuto rimodellati.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x