Diagnosi Prenatale: genitori all…

[caption id="attachment_7…

Ebola: America vicina ad un rime…

[caption id="attachment_8…

Gli oncologi si pronunciano circ…

Mirtilli e melanzane anti…

Il SIldenafil aiuta nella preven…

Il Sildenafil dovrebbe es…

I farmacisti italiani augurano b…

Roma 29 aprile 2013.  “ A…

Fecondazione assistita: 4.000 le…

Non si ferma il turismo d…

Mucca pazza: e' un italiano a sv…

Un problema di “traffico”…

Artrosi: studio USA-Italia fa lu…

Un gruppo di ricercatori …

Dolore cronico: in provincia di …

Esegue fino a 500 prest…

ARISLA: interfaccia cervello-com…

Accendere e spegnere la l…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Ricreare le malattie in provetta

Un uso creativo di cellule staminali ricavate da tessuti adulti promette di accelerare lo sviluppo di farmaci per patologie debilitanti. di Stephen S. Hall.


Ancora in attesa. Le cellule staminali embrionali sono potenzialmente utili per trattamenti contro malattie incurabili, ma finora non si sono avuti significativi progressi nel ricavarne applicazioni terapeutiche.
Una nuova idea. Anziché concentrarsi sulle cure, alcuni ricercatori ritengono che le cellule staminali siano più utili – almeno per ora – nello screening di farmaci e per studiare in che modo malattie diverse danneggiano l’organismo.

Un approccio creativo. Fino a poco tempo fa le cellule staminali necessarie per indagare questa ipotesi provenivano da embrioni. Ma nel 2007 gli scienziati sono riusciti a riprogrammare cellule umane adulte ritrasformandole in cellule staminali.
Cellule staminali su misura. I ricercatori stanno usando queste cellule riprogrammate in modo da ricreare varie malattie su una piastra di coltura. Quindi possono testare farmaci potenziali su questi campioni di tessuto rimodellati.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi