Allarme depressione: riguarda un…

[caption id="attachment_9…

Disfunzione erettile e incontine…

I disturbi del sonno asso…

Alzheimer: quanto lo smog incide…

Con l'aria inquinata si r…

Epatite A: vaccino su infanti co…

La vaccinazione contro il…

AIDS: due pazienti liberi da HIV…

Due uomini sieropositivi …

Tumori: nuova tecnica per indivi…

Un gruppo di scienziati …

L'ormone di salute e sazietà nel…

Ricercatori in Svezia han…

Infiammazioni intestinali: più f…

Non ricevere un tipo di a…

Vitamina C: due kiwi al giorno p…

Grazie ad effetti ben…

Depressione: identificato nuovo …

[caption id="attachment_9…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Ebola: anticorpo sviluppato in laboratorio

Scoperta una proteina recettoriale che aiuta i virus Ebola e Marburg (responsabile di febbre emorragica a elevata mortalita’) a infettare l’organismo, e un anticorpo in grado di legarsi alla proteina bloccando l’ingresso di entrambi i virus nell’organismo: e’ quanto emerge da uno studio pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences dai ricercatori dell’Universita’ dell’Iowa di Iowa City (Usa).

La ricerca ha dimostrato che nelle cellule epiteliali presenti in diverse parti del corpo umano – comprese le mucose delle vie respiratorie e degli occhi, che rappresentano le classiche ”porte” attraverso cui si insinuano questi agenti patogeni – e’ presente una proteina, chiamata Tim-1, che favorisce l’azione dei virus Ebola e Marburg, aiutandoli a infettare i tessuti.


Gli studiosi hanno pero’ anche realizzato un anticorpo, chiamato Ard5, che in laboratorio e’ stato in grado di disattivare la proteina e fermare l’infezione di entrambi i virus. Il prossimo passo, spiegano i ricercatori, sara’ realizzare una versione dell’anticorpo compatibile con l’organismo umano.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x