Tamoxifene: studio su interazion…

[caption id="attachment_7…

Cancro al seno: la notizia buona…

Il tumore del seno fa…

Tumori alla prostata: meno incid…

Il tumore della prostata …

Il colore dei capelli 'estratto'…

E' possibile grazie all'i…

Rosacea: riguarda un adulto su d…

Dai reali d'Inghilterra c…

Il farmacista italiano è pronto …

Lo studio pilota sull’app…

Intolleranza al latte: arrivano …

Anche chi soffre di intol…

Vaccini: studio riconferma valid…

- I vaccini sono ampiame…

Marijuana: potrebbe essere la mo…

E' una molecola che si ch…

E’ tempo di riconsiderare l’obbl…

“Le vaccinazioni sono uno…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

HPV – test genetico anche a casa, in sperimentazione.

Se le donne non vanno al test contro il papilloma, e’ lo stesso test che puo’ raggiungerle direttamente a casa. A parafrasare il famoso detto della montagna e di Maometto e’ una sperimentazione attiva in alcune regioni d’Italia, che coinvolge anche l’Istituto europeo di oncologia (Ieo) a Milano.

Per contrastare il virus Hpv, responsabile della maggior parte dei tumori al collo dell’utero, esiste per la prevenzione il pap test, ma anche il piu’ preciso test genetico Hpv test. Il problema e’ che, nonostante le Asl contattino le donne per farle partecipare allo screening, la percentuale di adesione non e’ ancora ottimale. Per questo gli esperti stanno cercando nuovi modi per raggiungere le donne che l’esame ancora non l’hanno fatto: ”Esiste un test che puo’ essere fatto anche a casa – spiega Mario Sideri, direttore della Ginecologia preventiva all’Ieo – e il prelievo del campione e’ simile all’atto di fare una lavanda vaginale. Sono gia’ stati fatti un po’ di studi in questo senso da parte del Gruppo nazionale degli Screening, e si e’ visto che in questo modo si possono recuperare il 10-20% di donne che non si presentano agli altri screening”.


In Italia, continua l’esperto, stanno provando questa soluzione ”la Toscana, Lazio e Abruzzo. In Abruzzo, in particolare, si sta distribuendo anche grazie ai medici di famiglia” un kit, composto dalla soluzione per la lavanda e una boccetta per raccogliere il campione da far analizzare. ”All’Ieo – conclude Sideri – stiamo studiando un modo per farlo tramite le farmacie, come gia’ si fa per lo screening del colon-retto”. L’analisi del test in laboratorio in se’ costa circa 10 euro, ma ovviamente il prezzo e’ in base ai volumi di utilizzo. Si pensa che il kit nel complesso possa costare intorno ai 50 euro.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x