Campagna invito donazione cordon…

Ancora 48 mila unità di s…

Cancro: screening biennale con a…

Il cancro della cervi…

Salute Donna: in menopausa cala …

In occasione della Giorna…

Pediatria: il sonno nei bambini …

Dormire in modo irregol…

Cancro e alcool: legame nettamen…

Una nuova analisi condott…

L'importanza del medico di medic…

L’importanza del medico d…

Iniezioni con ultrasuoni: gli in…

Gli ingegneri del MIT han…

Sclerosi multipla: finalmente si…

La teoria secondo cui la …

Periodontite: buone nuove per mi…

Dodici milioni di tedesch…

Acido ialuronico: non solo vezzo…

Per ringiovanire la pelle…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

In pericolo la ricerca con e sulle staminali embrionali in Europa. Rischia di essere bandita

La ricerca sulla staminali embrionali è in pericolo in Europa. Il grido di dolore arriva da scienziati del settore in una lettera pubblicata su ‘Nature’ che vede tra i suoi firmatari anche Ian Wilmut, il celebre papà della pecora Dolly.

A preoccupare gli studiosi, una pronuncia della Corte di giustizia europea attesa per fine maggio che di fatto potrebbe bloccare la ricerca sulle ‘cellule bambine’ nel Vecchio Continente.
Strasburgo potrebbe infatti bandire, come sembra intenzionata a fare, i brevetti sulle terapie basate sull’uso di staminali. Il che porterebbe inevitabilmente, denunciano gli studiosi, le aziende impegnate in questo promettente settore a migrare altrove – Usa in primis, ma anche Cina e Giappone – ovvero in Paesi in cui i brevetti su queste cure continuerebbero ad essere la norma.

Rischi per i ricercatori – avvertono dunque gli studiosi – ma anche per i pazienti, costretti a migrare per ottenere terapie che impiegano ‘cellule bambine’. Eppure l’avvocatura generale, con una prima raccomandazione giunta dal giudice francese Yves Bot, ha già sostenuto che l’uso commerciale di staminali sarebbe immorale, perché basata sulla distruzione di embrioni. “Sarebbe devastante se la Corte seguisse questa raccomandazione – denuncia Austin Smith, del Wellcome Trust Centre for Stem Cell Research di Cambridge, tra i firmatari della missiva – significherebbe mettere a rischio il futuro della ricerca biomedica in Europa, nonché alcuni progetti già in corso e destinati a crollare”.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x