Linagliptin riduce in modo signi…

I risultati degli studi…

Mele: i pediatri vigilano sull'a…

A Roma il 16 Febbraio 201…

Frammenti del virus HPV contenut…

[caption id="attachment_6…

Oncofertilità nei centri pubblic…

Nella capitale l’avvi…

"Adulti e vaccinati" - Gli espe…

Censis: la polmonite an…

Il gene Notch: un terzo dei tumo…

MILANO - Si chiama Notch …

Test AIDS: scienziati del CER ne…

Due ricercatori finanziat…

Malattie Sessualmente Trasmissib…

Secondo una recente indag…

Il circuito cerebrale che ti def…

L'apprendimento e il rico…

I macachi, che solidarizzano nel…

La consolazione spontane…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Sclerosi Multipla: l’EMA pronuncia il suo primo parere favorevole per farmaco che migliora deambulazione

Il Comitato per i Medicinali per Uso Umano dell’Agenzia Europea dei Medicinali (Ema) ha dato un primo parere positivo alla fampridina a rilascio prolungato, il primo farmaco sintomatico che migliora la velocita’ nella deambulazione nei pazienti con sclerosi multipla.

”Il Comitato ha dato un parere condizionato a questo farmaco – afferma Luca Massacesi, direttore della II clinica di Neurologia dell’ospedale universitario di Careggi e membro del comitato di valutazione dell’Ema – questo significa che entro un anno l’azienda produttrice dovra’ fornire ulteriori studi clinici che avvalorino il beneficio medio complessivo. Per ora l’agenzia europea ha fatto un atto di fiducia, perche’ effettivamente il farmaco risponde ad un bisogno clinico al quale nessun prodotto finora aveva mai risposto, anche se per il tempo in cui la fampridina resta in circolo nel sangue”.


I pazienti trattati con fampridina che hanno mostrato un miglioramento costante nei due studi di fase III, fa sapere l’azienda Biogen, hanno riscontrato un aumento medio della velocita’ di deambulazione del 25,2% e del 24,7% rispetto al 4,7% e al 7,7% rispettivamente, per il gruppo che ha ricevuto il placebo.(ANSA).

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi