La nuova legge sulla terapia del…

Istituzioni e medici spec…

Fumo: quando diventa causa prima…

Meno motivazione nella vi…

Un amminoacido per la rigenerazi…

[caption id="attachment_5…

Nasce il network della ricerca c…

Stadler (Grünenthal Ita…

Catastrofi cromosomiche accelera…

[caption id="attachment_1…

Sale: invecchiamento precoce se …

Mangiare troppo sale può …

Raffreddore, scoperto l'enigmati…

Su Pnas la ricerca di due…

Il vero occhio della mente

Una serie di test su pazi…

Legame tra cardiopatie e depress…

Secondo un nuovo report, …

Nato il primo bimbo, frutto di t…

E' un maschio il prim…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Sindrome di Meniere: nasce l’associazione nazionale, per far conoscere i disturbi della malattia.

Crisi di vertigini con allucinazioni visive e la sensazione di veder ruotare tutto l’ambiente intorno, diminuzione dell’udito, perdita del controllo, nausea e vomito.

Sono alcuni dei sintomi della malattia di Meniere: per aiutare e mettere in rete le persone colpite e’ nata un’associazione nazionale, presentata a Bologna nella sede dell’ordine dei Medici. ”Se ne parla poco, ma e’ fortemente invalidante”, ha spiegato Nadia Gaggioli, presidente e fondatrice dell’Ammi. Gaggioli e’ affetta dalla Meniere da 27 anni: ”l’obiettivo che ci diamo – ha proseguito – oltre a farla conoscere, e’ di creare una rete di solidarieta’ tra i malati, e di dare un sostegno personale nei momenti di crisi e divulgare notizie sui centri specializzati”. Si tratta di una ”malattia pazza, molto difficile da curare. A volte, prima della crisi, ci sono dei segnali.

In altri casi, no. E’ imprevedibile, come lo e’ la risposta del paziente alle terapie. E, al momento, non e’ prevista la guarigione”. Soprattutto, ha proseguito la presidente, ”non e’ riconosciuta come malattia cronica, anche se lo e’, per cui chi viene colpito non puo’ avere l’esenzione dal ticket”. Riguarda persone tra i 40 e i 60 anni, ”anche se abbiamo anche pazienti di 20”. Non ci sono dati certi sui numeri di malati: ”e’ una malattia nascosta. Da quando pero’ abbiamo creato un gruppo su Facebook abbiamo realizzato 430 contatti da parte di persone affette. Noi puntiamo ad un censimento, attraverso i numeri di base. Gli stessi otorini a volte non la riconoscono come tale”. (ANSA)

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!