Teva Italia a fianco dello sport…

Al via la campagna social…

Gli italiani 'bionici': milioni …

- Anca, ginocchio, spalla…

Colesterolo: nuove linee-guida d…

Le nuove linee-guida dei …

Alzheimer: nei casi ereditari si…

Scienziati della Was…

Cervello: dopamina riduce impuls…

Innalzare i livelli del n…

Tumori: il fattore di crescita e…

La scarsa risposta al tra…

Si apre domani a Napoli il conve…

Fino al 3 maggio si discu…

Biologia: un approccio ancora pi…

A volte è necessario avvi…

Ictus Ischemico: all’Ospedale di…

[caption id="attachment_7…

Antiacidi in grado di aumentare …

I pazienti con un tumore …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumori al seno: con una specifica mutazione genetica 90% di possibilità svilupparlo

Le donne che hanno nel proprio patrimonio genetico versioni mutate dei geni BRCA1 o BRCA2 corrono un rischio maggiore dal 20 al 50% di sviluppare il cancro alle ovaie e dall’80 al 90% di sviluppare il carcinoma alla mammella.

e’ quanto affermano, in uno studio pubblicato sul Deutsches Arzteblatt International, i ricercatori del Klinikum rechts der Isar di Monaco (Germania), secondo cui un altro gene importante per la predisposizione alle due forme tumorali e’ il RAD51C che, come BRCA1 e BRCA2, occupa un ruolo fondamentale nella riparazione del Dna ed e’ presente dall’1,5% al 4% delle famiglie colpite dalle due forme tumorali. La ricerca e’ stata condotta sui dati raccolti dal Consorzio tedesco per i tumori ereditari del seno e delle ovaie.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!