Ecco come la fotostatina miglior…

[caption id="attachment…

Dolore cronico per 1 marchigiano…

Senigallia, 17 maggio 201…

Infarto: ipotermia spesso come s…

Le persone colpite da att…

Sensibilità al glutine non celia…

La rivista scientifica “N…

Vacanze esotiche con i bambini: …

Consigli, profilassi, ter…

Nuovi protocolli di conservazion…

I senologi di tutto il mo…

Il Bisfenolo A (contenuto nella …

Lo studio è stato condo…

Crisi epilettiche: la proteina c…

La putrescina prodotta a …

Fibroina di seta: per la pelle d…

Infiammazioni, secchezza…

SIPPS: il Presidente Giuseppe Di…

Il Presidente della SIPPS…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumori al seno: con una specifica mutazione genetica 90% di possibilità svilupparlo

Le donne che hanno nel proprio patrimonio genetico versioni mutate dei geni BRCA1 o BRCA2 corrono un rischio maggiore dal 20 al 50% di sviluppare il cancro alle ovaie e dall’80 al 90% di sviluppare il carcinoma alla mammella.

e’ quanto affermano, in uno studio pubblicato sul Deutsches Arzteblatt International, i ricercatori del Klinikum rechts der Isar di Monaco (Germania), secondo cui un altro gene importante per la predisposizione alle due forme tumorali e’ il RAD51C che, come BRCA1 e BRCA2, occupa un ruolo fondamentale nella riparazione del Dna ed e’ presente dall’1,5% al 4% delle famiglie colpite dalle due forme tumorali. La ricerca e’ stata condotta sui dati raccolti dal Consorzio tedesco per i tumori ereditari del seno e delle ovaie.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x