Alimentazione: broccoli e maqui …

Si combatte a tavola la g…

Tessuto vascolare rigenerato con…

[caption id="attachme…

HIV, è caccia al virus grazie ad…

[caption id="attachment_1…

Un anticorpo monoclonale contro …

[caption id="attachment_6…

ALZHEIMER, UN NUOVO TEST LO INDI…

[caption id="attachment_1…

Congresso GISE: Medtronic e l'Ac…

Genova, 3 ottobre 2012 – …

Malattia di Huntington: la ricer…

Una ricerca condotta dall…

83° Congresso Nazionale della So…

Dall’ 83° Congresso Nazio…

Bambini e Antibiotici, sono semp…

L’Italia è tra i Paesi eu…

Fumo e cancro della prostata: co…

I fumatori hanno maggiori…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumori al seno: con una specifica mutazione genetica 90% di possibilità svilupparlo

Le donne che hanno nel proprio patrimonio genetico versioni mutate dei geni BRCA1 o BRCA2 corrono un rischio maggiore dal 20 al 50% di sviluppare il cancro alle ovaie e dall’80 al 90% di sviluppare il carcinoma alla mammella.

e’ quanto affermano, in uno studio pubblicato sul Deutsches Arzteblatt International, i ricercatori del Klinikum rechts der Isar di Monaco (Germania), secondo cui un altro gene importante per la predisposizione alle due forme tumorali e’ il RAD51C che, come BRCA1 e BRCA2, occupa un ruolo fondamentale nella riparazione del Dna ed e’ presente dall’1,5% al 4% delle famiglie colpite dalle due forme tumorali. La ricerca e’ stata condotta sui dati raccolti dal Consorzio tedesco per i tumori ereditari del seno e delle ovaie.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi