Molte amicizie (vere) su Faceboo…

Buone notizie per gli ama…

Il meccanismo molecolare che ann…

[caption id="attachment_5…

Diagnosi di tumori al seno: le p…

Le protesi al seno rendon…

Igiene orale: i batteri possono …

Non lavarsi i denti può f…

Primo intervento alla prostata i…

Via il tumore alla pros…

Presentati a Camposampiero due i…

[caption id="attachment_3…

Fluoro: un metodo innovativo per…

Il fluoro e' ampiame…

il centro Nerviano Medical Scien…

[caption id="attachment_6…

Biomarcatori e rischi cardiovasc…

[caption id="attachment_1…

Chiesi è la prima a sottomettere…

Innovazione italiana  nel…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: prospettive terapeutiche da due farmaci in studio per il morbo della mucca pazza

Due farmaci in studio per il morbo della mucca pazza potrebbero invece essere usati per curare l’Alzheimer.

Lo afferma uno studio pubblicato dalla rivista Nature Communications. I due anticorpi studiati dai ricercatori della Universty College di Londra si chiamano ICSM-18 e ICSM-35, e sono stati studiati per la loro abilita’ di bloccare le placche beta amiloidi, responsabili degli effetti della malattia sul cervello.

I primi test su pazienti affetti dal morbo di Creutzfeld Jakob sono previsti nel 2012, ma a questi potrebbero affiancarsi anche quelli sull’Alzheimer. “In laboratorio abbiamo scoperto che sulle cavie questi anticorpi funzionano anche per le piu’ comuni forme di demenza, come l’Alzheimer – ha spiegato John Collinge, uno degli autori – se i trial per il morbo della mucca pazza dimostreranno che sono sicuri per la salute potremmo estenderli anche a queste malattie”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi