Lettera Esperti a Ministro Loren…

Riceviamo e pubblichiamo …

Autismo: 'scagionati' quasi del …

[caption id="attachme…

Un Cannabinoide, molecola del pi…

Il tartufo, in particolar…

Fumo in gravidanza: mina la futu…

Esporre il feto al fu…

Dieta: quale circolo vizioso nel…

In chi e' obeso si in…

Una proteina che attiva gli sper…

Si chiama PLCz e avvia un…

La predisposizione molecolare al…

Un nuovo studio fornisce …

Celiachia e gravidanza:l’importa…

Milano, maggio 2014 – La …

Controllare i battiti cardiaci t…

[caption id="attachment_8…

Lupus: chiarimenti sull'insorgen…

[caption id="attachment_7…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: prospettive terapeutiche da due farmaci in studio per il morbo della mucca pazza

Due farmaci in studio per il morbo della mucca pazza potrebbero invece essere usati per curare l’Alzheimer.

Lo afferma uno studio pubblicato dalla rivista Nature Communications. I due anticorpi studiati dai ricercatori della Universty College di Londra si chiamano ICSM-18 e ICSM-35, e sono stati studiati per la loro abilita’ di bloccare le placche beta amiloidi, responsabili degli effetti della malattia sul cervello.

I primi test su pazienti affetti dal morbo di Creutzfeld Jakob sono previsti nel 2012, ma a questi potrebbero affiancarsi anche quelli sull’Alzheimer. “In laboratorio abbiamo scoperto che sulle cavie questi anticorpi funzionano anche per le piu’ comuni forme di demenza, come l’Alzheimer – ha spiegato John Collinge, uno degli autori – se i trial per il morbo della mucca pazza dimostreranno che sono sicuri per la salute potremmo estenderli anche a queste malattie”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!