150 convegni in tutta Italia per…

Assogenerici, al via la…

Approvato olodaterolo in monosom…

·  Studi di Fase III hann…

Pediatria: ad un sonno prolungat…

Quando i bebe' fanno tant…

Arto rotto: il cervello inizia s…

Braccio destro ingessato …

Chirurgia bariatrica: non compor…

''Le operazioni di chirur…

Prostatite: tre domande per scop…

Dal congresso europeo deg…

Parkinson: scoperta nuova mutazi…

Un passo in avanti verso …

Dall'acne all'endocardite

Il batterio che causa l'a…

HPV - test genetico anche a casa…

Se le donne non vanno al …

Cellule staminali per riparare d…

[caption id="attachment_1…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Come il fumo inibisce i recettori dell’appetito.

Il fumo di sigaretta inibisce il senso di fame legandosi a dei recettori per la nicotina localizzati nei neuroni dell’ipotalamo. Ne da’ notizia Science, pubblicando i risultati degli studi condotti dai ricercatori del Baylor College of Medicine di Houston (Stati Uniti), coordinati da Marina Picciotto della School of Medicine dell’Universita’ di Yale di New Haven (Stati Uniti).


L’ipotalamo normalmente rielabora i segnali inviati dallo stomaco per sapere se l’organismo ha bisogno di altro cibo: gli autori dello studio hanno pero’ dimostrato che se i recettori alpha3beta4 vengono legati dalla nicotina, l’appetito viene soppresso. Per questo motivo chi smette di fumare tenderebbe a mangiare di piu’: ”Per molti la prospettiva di ingrassare e’ un deterrente a smettere di fumare, ma i farmaci che stimolano il recettore alpha3beta4 potrebbero limitare l’aumento di peso”, spiega Mariella De Biasi, coautrice dello studio.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi