SLA: studio Italia-USA trova nuo…

E' stato identificato un…

Accettata dall’Agenzia Europea d…

• L’accettazione della …

Obesità: riduce le aspettative d…

L'obesita' puo' ridurre l…

12mila nuovi casi l'anno di mala…

[caption id="attachment_3…

Radioterapia al cervello: nessu…

La radioterapia al cervel…

HIV: una molecola permette di pr…

[caption id="attachme…

Creata in laboratorio una protei…

Milano, dicembre 2017…

Il corpo umano: un mosaico genet…

DNA non è lo stesso in tu…

Leucemie: tossine vegetali modif…

[caption id="attachment_6…

Blocco della dipendenza genica d…

[caption id="attachment_6…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Epatite C: tre caffè al giorno a sostegno delle terapie secondo le pagine di un rinomato giornale scientifico

L’efficacia della terapia contro l’epatite C in pazienti con malattie croniche al fegato puo’ essere aumentata bevendo almeno tre tazzine di caffe’ al giorno durante la cura.

Lo annunciano dalle pagine di Gastroenterology Neal Freedman e i suoi colleghi del Department of Health and Human Services di Rockville (Stati Uniti). Analizzando la presenza di Rna virale nel siero dei pazienti – bevitori e non bevitori di caffe’ – a diverse settimane di trattamento con peginterferone e ribavirina, i ricercatori hanno dimostrato che gia’ dopo 12 settimane di terapia l’Rna virale e’ risultato assente dal siero del 73% dei pazienti consumatori di caffe’, contro il 46% dei non consumatori.

Ventiquattro settimane dopo la fine della terapia l’Rna virale e’ risultato assente nel 26% dei bevitori di caffe’, contro l’11% dei non bevitori. Saranno necessari nuovi studi per capire se il caffe’ puo’ aiutare anche pazienti trattati con altre terapie o che non rispondono alle cure.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!