La trombosi ai tempi della crisi

La morte più probabile pe…

Degenerazione maculare: farmaci …

Un trattamento farmacolog…

Cancro: peptide derivato dal pes…

Ricercatori identific…

Tumore al seno: un test genomico…

La diagnosi, già in uso i…

Assogenerici: Poche e semplici n…

I produttori di equivalen…

La riserva ovarica, stabilita da…

Nelle ovaie di topo a…

Alzheimer: la scoperta di una mo…

Un nuovo promettente comp…

Emozioni: lette per la prima vol…

Per la prima volta, g…

DNA: da quattro a otto le basi o…

Per decenni, gli scienzia…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Epatite C: tre caffè al giorno a sostegno delle terapie secondo le pagine di un rinomato giornale scientifico

L’efficacia della terapia contro l’epatite C in pazienti con malattie croniche al fegato puo’ essere aumentata bevendo almeno tre tazzine di caffe’ al giorno durante la cura.

Lo annunciano dalle pagine di Gastroenterology Neal Freedman e i suoi colleghi del Department of Health and Human Services di Rockville (Stati Uniti). Analizzando la presenza di Rna virale nel siero dei pazienti – bevitori e non bevitori di caffe’ – a diverse settimane di trattamento con peginterferone e ribavirina, i ricercatori hanno dimostrato che gia’ dopo 12 settimane di terapia l’Rna virale e’ risultato assente dal siero del 73% dei pazienti consumatori di caffe’, contro il 46% dei non consumatori.


Ventiquattro settimane dopo la fine della terapia l’Rna virale e’ risultato assente nel 26% dei bevitori di caffe’, contro l’11% dei non bevitori. Saranno necessari nuovi studi per capire se il caffe’ puo’ aiutare anche pazienti trattati con altre terapie o che non rispondono alle cure.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi