Tumori: individuati geni in grad…

Il sangue e' composto da …

Depressione: test del sangue per…

L'esame si basa sulla mis…

L'uomo di Neanderthal: vita inte…

[caption id="attachment_1…

Chirurgia: non sempre per un men…

Uno studio dell'Universit…

HIV: con antiretrovirali, ottenu…

I trattamenti antiretrovi…

Sigaretta elettronica: Varonesi …

Nature, la rivista portav…

Sequenziato genoma peronospora: …

[caption id="attachme…

Obesità: scoperto interruttore m…

Le normali cellule di gra…

Un anticorpo "jolly" in grado di…

Esplora il significat…

Colesterolo del 'terzo tipo' min…

[caption id="attachment_2…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Leucemia Mieloide: ottime risposte da un nuovo farmaco

Nuove conferme dell’efficacia di dasatinib nel trattamento dei pazienti adulti con Leucemia Mieloide Cronica Philadelphia + in fase cronica (CP-LMC) resistenti o intolleranti alla attuale terapia standard con imatinib. A cinque anni dalla diagnosi la sopravvivenza globale per i pazienti trattati con dasatinib, farmaco sviluppato da Bristol-Myers Squibb, e’ pari al 78% ed il 57% dei pazienti e’ libero da malattia.

I dati emergono da uno studio (CA 180-034) che ha coinvolto 670 persone, presentato oggi al XVI Congresso della Societa’ Europea di Ematologia (European Hematology Association – EHA) in corso a Londra, il piu’ importante appuntamento continentale sulle malattie ematologiche. Evidenze cliniche indicano che la resistenza a imatinib puo’ verificarsi nel 25% circa dei pazienti in fase cronica, nel 41% dei malati in fase accelerata e nel 92% di quelli in crisi blastica. “In questo studio, i dati a cinque anni dimostrano l’efficacia a lungo termine e il consistente profilo di sicurezza di dasatinib per le persone colpite da Leucemia Mieloide Cronica Philadelphia + in fase cronica precedentemente trattate con imatinib – spiega il prof. Neil Shah dell’Universita’ della California, San Francisco, principal investigator dello studio -. I risultati del lavoro sono importanti perche’ forniscono un follow-up a lungo termine di questi malati che hanno sviluppato resistenza o intolleranza a imatinib”. I risultati della ricerca sono stati anticipati al 47mo Congresso ASCO (American Society of Clinical Oncology), il piu’ importante meeting mondiale di oncologia che si e’ svolto a Chicago dal 3 al 7 giugno.

Dasatinib ha avuto un percorso clinico di sviluppo tra i piu’ rapidi della storia della medicina ed e’ gia’ disponibile in Italia dal 2007 per il trattamento dei pazienti con LMC Ph + resistenti o intolleranti a imatinib. Nel dicembre 2010 l’Agenzia europea per i medicinali (EMA) ha espresso parere favorevole per dasatinib nel trattamento dei pazienti adulti con Leucemia Mieloide Cronica Philadelphia + (LMC Ph+) in fase cronica di nuova diagnosi. L’estensione dell’indicazione in prima linea e’ ora al vaglio dell’Agenzia Italiana del Farmaco per la definizione delle condizioni di rimborsabilita’.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi