Contraccezione ormonale, informa…

La Regione rimane fanalin…

Artrite reumatoide: l'azione pro…

A più alti livelli di…

LILT: la solidarietà si veste di…

Giorgia Surina madrina de…

Ansia e sedentarietà: due stati …

La sedentarietà non fa so…

Il modello 'animale' in laborato…

[caption id="attachment_5…

L'ipotesi dell'insulina non più …

Si può sopravvivere s…

Non e' il virus XMRV legato alla…

[caption id="attachment_1…

Tumore del colon retto: è diffic…

E' la forma di cancro più…

Con asma e broncopneumopatia cro…

Nel precario panroma dell…

Polifenoli del vino rosso: studi…

Un bicchiere di vino ross…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Leucemia Mieloide: ottime risposte da un nuovo farmaco

Nuove conferme dell’efficacia di dasatinib nel trattamento dei pazienti adulti con Leucemia Mieloide Cronica Philadelphia + in fase cronica (CP-LMC) resistenti o intolleranti alla attuale terapia standard con imatinib. A cinque anni dalla diagnosi la sopravvivenza globale per i pazienti trattati con dasatinib, farmaco sviluppato da Bristol-Myers Squibb, e’ pari al 78% ed il 57% dei pazienti e’ libero da malattia.

I dati emergono da uno studio (CA 180-034) che ha coinvolto 670 persone, presentato oggi al XVI Congresso della Societa’ Europea di Ematologia (European Hematology Association – EHA) in corso a Londra, il piu’ importante appuntamento continentale sulle malattie ematologiche. Evidenze cliniche indicano che la resistenza a imatinib puo’ verificarsi nel 25% circa dei pazienti in fase cronica, nel 41% dei malati in fase accelerata e nel 92% di quelli in crisi blastica. “In questo studio, i dati a cinque anni dimostrano l’efficacia a lungo termine e il consistente profilo di sicurezza di dasatinib per le persone colpite da Leucemia Mieloide Cronica Philadelphia + in fase cronica precedentemente trattate con imatinib – spiega il prof. Neil Shah dell’Universita’ della California, San Francisco, principal investigator dello studio -. I risultati del lavoro sono importanti perche’ forniscono un follow-up a lungo termine di questi malati che hanno sviluppato resistenza o intolleranza a imatinib”. I risultati della ricerca sono stati anticipati al 47mo Congresso ASCO (American Society of Clinical Oncology), il piu’ importante meeting mondiale di oncologia che si e’ svolto a Chicago dal 3 al 7 giugno.

Dasatinib ha avuto un percorso clinico di sviluppo tra i piu’ rapidi della storia della medicina ed e’ gia’ disponibile in Italia dal 2007 per il trattamento dei pazienti con LMC Ph + resistenti o intolleranti a imatinib. Nel dicembre 2010 l’Agenzia europea per i medicinali (EMA) ha espresso parere favorevole per dasatinib nel trattamento dei pazienti adulti con Leucemia Mieloide Cronica Philadelphia + (LMC Ph+) in fase cronica di nuova diagnosi. L’estensione dell’indicazione in prima linea e’ ora al vaglio dell’Agenzia Italiana del Farmaco per la definizione delle condizioni di rimborsabilita’.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x