MAL DI SCHIENA: ARRIVA “MINOSSE…

Mitologia classica e tecn…

Influenza A: statine attenuano g…

Un nuovo studio Usa sugge…

Zucchero e selenio amici del cuo…

Roma, 30 dic - Zuccheri c…

Stress: compromettente per le co…

Nuove scoperte sui meccan…

Assistenza circolatoria: impiant…

E' stato effettuato a Rom…

Gravidanza: acido folico ideale …

Integratori di ferro…

Sclerosi Multipla progressiva: u…

Una molecola da speriment…

Fumo passivo e l'aumento di inci…

Tra i neonati, il fumo pa…

Cervello: funzionalità legata ai…

I livelli di acidità nell…

Ictus in gravidanza: nuovo studi…

Quello che dovrebbe ess…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Malattie cardiovascolari: proteina prodotta da polmone considerata marker della mortalità

Una proteina prodotta dal polmone, chiamata SP-D (surfactant protein-D), puo’ essere considerata un nuovo marcatore della mortalita’ associata a malattie cardiovascolari.


Ne ha dato notizia l’European Heart Journal in uno studio in cui i ricercatori coordinati da Don Sin dell’University of British Columbia (Vancouver, Canada) hanno rilevato che nei pazienti affetti da patologie all’apparato cardiocircolatorio in cui sono riscontrabili i livelli ematici piu’ elevati di SP-D la mortalita’ raggiunge il 45%. Cio’ corrisponde a un esito fatale della malattia 4,4 volte maggiore rispetto ai casi in cui SP-D e’ presente nel sangue a concentrazioni piu’ basse. Sin ha precisato: ”Non sappiamo ancora se SP-D sia coinvolto nella genesi delle patologie cardiovascolari o se indichi un fenomeno collaterale di infiammazione polmonare”.

 

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!