Campagna invito donazione cordon…

Ancora 48 mila unità di s…

Chirurgia: protesi "a fiore" per…

Da oggi l'ernia guarisce …

[Cordis]Nuova tecnica per osserv…

I ricercatori devono esse…

La proteina PYM, esempio di rici…

[caption id="attachme…

Epatite B: arriva "Path B" perco…

Un viaggio in sei tappe p…

Ictus precoci possono causare di…

Gli ictus particolarment…

Dolore cronico per 6 casalinghe …

Sensibilizzare le donne s…

Fondazione Cesare Serono accende…

La nuova sezione del…

Crollano i ricoveri per le compl…

Invariato invece il tas…

Tumori polmonari: il CNR identif…

Confermato il ruolo del g…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Malattie cardiovascolari: proteina prodotta da polmone considerata marker della mortalità

Una proteina prodotta dal polmone, chiamata SP-D (surfactant protein-D), puo’ essere considerata un nuovo marcatore della mortalita’ associata a malattie cardiovascolari.


Ne ha dato notizia l’European Heart Journal in uno studio in cui i ricercatori coordinati da Don Sin dell’University of British Columbia (Vancouver, Canada) hanno rilevato che nei pazienti affetti da patologie all’apparato cardiocircolatorio in cui sono riscontrabili i livelli ematici piu’ elevati di SP-D la mortalita’ raggiunge il 45%. Cio’ corrisponde a un esito fatale della malattia 4,4 volte maggiore rispetto ai casi in cui SP-D e’ presente nel sangue a concentrazioni piu’ basse. Sin ha precisato: ”Non sappiamo ancora se SP-D sia coinvolto nella genesi delle patologie cardiovascolari o se indichi un fenomeno collaterale di infiammazione polmonare”.

 

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!