Fumo e cancro della prostata: co…

I fumatori hanno maggiori…

Ormoni tiroidei: l’equivalenza d…

Roma, 6 dicembre 2013 - “…

Tumori del sangue: maggiore inci…

Le allergie che si riferi…

"Macchina della pelle": dalla Ge…

Una macchina fabbrica-pel…

Contro i virus non sempre è nece…

Una sperimentazione sui t…

Dalla ricerca biotech italiana u…

[caption id="attachme…

Un batterio da Nobel: l'Helicoba…

[caption id="attachment_4…

Sigarette elettroniche: sicurame…

Le sigarette elettroniche…

Il meccanismo molecolare che ann…

[caption id="attachment_5…

Smog: test svela in tempo reale …

[caption id="attachment_6…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

MIA: Melanoma Inhibitory Activity

Si chiama MIA (melanoma inhibitory activity), e’ una proteina ed e’ in grado di rilevare la presenza della neurofibromatosi di tipo 1, malattia genetica che colpisce una persona ogni tremila caratterizzata da una varieta’ di sintomi che vanno dalle cosiddette ”voglie” benigne di caffellatte sulla pelle, passando per piccoli tumori sotto la pelle, fino ad arrivare ai neurofibromi plessiformi, tumori che attaccano i rivestimenti dei nervi. A sostenerlo e’ uno studio pubblicato su BioMed Central da cui emerge che dopo aver confrontato i livelli di MIA nel sangue di pazienti affetti da neurofibromatosi e di soggetti sani gli studiosi hanno rilevato che i pazienti affetti dalla patologia avevano livelli molto piu’ elevati di MIA e che questo livello dipendeva dal numero e dalle dimensioni di neurofibromi e di neurofibromi plessiformi che questi presentavano.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi