Campagna invito donazione cordon…

Ancora 48 mila unità di s…

Cancro: screening biennale con a…

Il cancro della cervi…

Salute Donna: in menopausa cala …

In occasione della Giorna…

Pediatria: il sonno nei bambini …

Dormire in modo irregol…

Cancro e alcool: legame nettamen…

Una nuova analisi condott…

L'importanza del medico di medic…

L’importanza del medico d…

Iniezioni con ultrasuoni: gli in…

Gli ingegneri del MIT han…

Sclerosi multipla: finalmente si…

La teoria secondo cui la …

Periodontite: buone nuove per mi…

Dodici milioni di tedesch…

Acido ialuronico: non solo vezzo…

Per ringiovanire la pelle…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

MIA: Melanoma Inhibitory Activity

Si chiama MIA (melanoma inhibitory activity), e’ una proteina ed e’ in grado di rilevare la presenza della neurofibromatosi di tipo 1, malattia genetica che colpisce una persona ogni tremila caratterizzata da una varieta’ di sintomi che vanno dalle cosiddette ”voglie” benigne di caffellatte sulla pelle, passando per piccoli tumori sotto la pelle, fino ad arrivare ai neurofibromi plessiformi, tumori che attaccano i rivestimenti dei nervi. A sostenerlo e’ uno studio pubblicato su BioMed Central da cui emerge che dopo aver confrontato i livelli di MIA nel sangue di pazienti affetti da neurofibromatosi e di soggetti sani gli studiosi hanno rilevato che i pazienti affetti dalla patologia avevano livelli molto piu’ elevati di MIA e che questo livello dipendeva dal numero e dalle dimensioni di neurofibromi e di neurofibromi plessiformi che questi presentavano.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x