Metalli pesanti nei cosmetici: a…

Una nuova ricerca riv…

International Nano MIT and the …

International Nano MI…

Gioco d’azzardo patologico, colp…

È un vero e proprio allar…

Ipertermia per la cura dei tumor…

[caption id="attachment_6…

Tumori: scoperti partner 'moleco…

[caption id="attachment_…

Ipertensione, i quattro fattori …

Congresso europeo di card…

Ricerca italiana sull'ipertensio…

[caption id="attachment_2…

Geni "lontani" dalle aree del ge…

Vicini di casa a sorpresa…

Depressione post-parto e gravida…

La depressione dopo i…

Apnea notturna e i rischi di ict…

Le persone che soffrono d…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Scoperti meccanismi in grado di riattivare la memoria nel cervello

Scoperti i meccanismi che permettono al cervello di riattivare la memoria.

In uno studio pubblicato da Nature Neuroscience un gruppo internazionale di ricercatori ha dimostrato che nel moscerino della frutta le cellule MB-V2 ricevono le informazioni dalla porzione del cervello che associa un valore positivo o negativo a uno stimolo, per esempio un odore, e le trasmettono alla porzione del midollo spinale che processa l’informazione dando luogo a comportamenti innati, come la repulsione nei confronti di un odore. Secondo Hiromu Tanimoto, uno degli autori principali della ricerca, ”l’identificazione di queste cellule e del loro ruolo nel richiamare le memorie e’ una pietra miliare nella comprensione di come la memoria guida i comportamenti animali”. Per approfondimenti

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!