Diabete di tipo 2: gli asparagi …

Nella frittata, nel risot…

Tumore alla prostata: recidiva c…

La valutazione dettagliat…

Testosterone sarà la contraccezi…

[caption id="attachment_5…

Vaccino: tutto quello che bisogn…

Un esperto parla del vacc…

La "sesta base" del DNA e le spe…

Quella che è stata battez…

Scoperto il segreto della 'droga…

[ANSA]Comune a molte form…

Frutti rossi: due o tre porzioni…

Due o tre porzioni di fr…

Malaria: alcuni batteri presenti…

Le persone con limitata v…

Pediatria: no ai mucolitici sott…

La Societa' Italiana di P…

Gravi disturbi del sonno e la re…

[caption id="attachment_8…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Scoperti meccanismi in grado di riattivare la memoria nel cervello

Scoperti i meccanismi che permettono al cervello di riattivare la memoria.

In uno studio pubblicato da Nature Neuroscience un gruppo internazionale di ricercatori ha dimostrato che nel moscerino della frutta le cellule MB-V2 ricevono le informazioni dalla porzione del cervello che associa un valore positivo o negativo a uno stimolo, per esempio un odore, e le trasmettono alla porzione del midollo spinale che processa l’informazione dando luogo a comportamenti innati, come la repulsione nei confronti di un odore. Secondo Hiromu Tanimoto, uno degli autori principali della ricerca, ”l’identificazione di queste cellule e del loro ruolo nel richiamare le memorie e’ una pietra miliare nella comprensione di come la memoria guida i comportamenti animali”. Per approfondimenti

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!