Osservata 'in vivo' l'interazion…

[caption id="attachment_6…

Spina bifida: ricercatori italia…

I neochirurghi dell' Isti…

Chirurgia plastica: spiana gli a…

La chirurgia plastica…

Uno spazzolino biotech rileva da…

[caption id="attachment_7…

Un fattore di rigerazione del mu…

[caption id="attachme…

Cellule staminali: spunta un nas…

E' spuntato un pezzetto d…

AIRC, Università di Pavia: da 'v…

Vecchi antibiotici ritorn…

Da staminali della pelle al sang…

[caption id="attachment_9…

I social network migliorano la s…

Avere interazioni regolar…

Una risata fa buon sangue, ma ma…

Il riso fa buon sangue, m…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Polmone artificiale: creato il modello più vicino al vero

Realizzare un prototipo di polmone artificiale che ha un’efficienza pari a quella dell’organo naturale utilizzando aria e non ossigeno puro come i dispositivi costruiti finora.

Sebbene l’uso nell’uomo appaia ancora lontano, si tratta di un passo molto importante verso la creazione di un polmone artificiale facilmente trasportabile e impiantabile. A quanto si legge sulla rivista Lab on chip, i ricercatori della Case Western Reserve University hanno fabbricato il dispositivo seguendo il design del polmone naturale, anche se in scala ridotta rispetto alle dimensioni effettive dell’organo.

Il polmone artificiale e’ stato riempito con una versione traspirante di vasi sanguigni in gomma di silicone che si diramano fino a raggiungere un diametro inferiore a un quarto del diametro del capello umano. “Sulla base delle prestazioni che abbiamo registrato, il dispositivo potrebbe raggiungere un volume paragonabile a quella di un polmone umano reale, e potrebbe essere guidato dal cuore e non da una pompa meccanica”, ha spiegato Joe Potkay, autore dell’articolo. Gli attuali polmoni artificiale sono ingombranti e necessitano di pesanti serbatoi di ossigeno, cosa che limita molto la loro portabilita’. Inoltre, a causa dell’inefficenza nello scambio di ossigeno, possono essere utilizzati solo su pazienti a riposo, con una durata dell’apparecchiatura che arriva solo a qualche giorno. I test condotti dai ricercatori con sangue di suino hanno invece attestato l’efficienza del nuovo dispositivo, che ha mostrato uno scambio di ossigeno da tre a cinque volte superiore a quello dei dispositivi attualmente applicati. Questo aspetto ha permesso ai ricercatori di usare anche aria invece di ossigeno puro come gas di ventilazione. Gli scienziati sperano di cominciare la sperimentazione clinica sull’uomo nel giro di dieci anni. “I pazienti potrebbero sfruttare i nostri dispositivi a scopo terapeutico, o come un ponte in attesa di un trapianto di polmone: un’attesa che dura, in media, piu’ di un anno”, ha concluso Potkay.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!