Respinta la legge 40 dalla Corte…

Respinto, dalla Corte eur…

Insonnia: studiate le differenze…

Le persone che soffrono …

Tumori: curare la depressione mi…

Centinaia di malati di ca…

Clinical Trial Center: nasce al …

Roma, 16 gennaio 2014 – I…

Tumore ovarico: nell'immunoterap…

Oggi la quinta giornata…

Amiloide: proteina responsabile …

[caption id="attachment_9…

L'effetto antinfiammatorio del G…

[caption id="attachment_6…

Ricerca evidenzia il meccanismo …

[caption id="attachme…

Febbre tifoidea: ottimi risultat…

Sono positivi i risultati…

Distrofia di Duchenne: staminali…

Cellule staminali "da un…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumori: individuati geni in grado di contrastarli

Il sangue e’ composto da numerose cellule che assicurano funzioni vitali ben precise. Quando il funzionamento di questo sistema va in tilt, puo’ essere causa di alcune forme di cancro chiamate emopatiche.

Nel 2009, Oliver Bernard, ricercatore dell’Inserm (Institut National de la Santé et de la Recherche Médicale) in seno al’unita’ 985 “Genetica dei tumori” nell’Istituto di cancerologia Gustave Roussy, e i suoi collaboratori, hanno individuato alcune mutazioni di un gene unico in 3 forme diverse di emopatie umane. Due anni dopo, i ricercatori confermano il ruolo di questo gene “soppressore di tumore” in alcuni lavori apparsi sulla rivista Cancer cell.
Le emopatie umane sono forme di cancro dovute all’accumulo di anomalie genetiche, alcune delle quali riguardano le cellule staminali ematopoietiche, cellule che contribuiscono a tutte le cellule del sangue.
Si distinguono due grandi tipi di emopatie maligne:
– quelle mieloidi, quando i cambiamenti riguardano le cellulle impegnate nella differenziazione che conduce ai globuli rossi, ai granulociti;
– quelle linfoidi, quando i cambiamenti riguardano le cellulle impegnate nella differenziazione che conduce ai linfociti B o T.

Nel 2009, studiando alcuni campioni umani selezionati di emopatie mieloidi, l’équipe di Bernard e William Vainchenker hanno identificato un gene modificato in alcune condizioni chiamate TET2. C’era da capire come funzionava e quale fosse la sua precisa implicazione nelle biologia delle cellule staminali ematopoietiche e nella produzione di cellule del sangue. Due anni in piu’ hanno permesso ai ricercatori di rispondere a questa domanda.
Nel nuovo lavoro pubblicato su Cancer Cell, Bernard ha creato due linee di topi dove l’espressione del gene TET2 e’ stata modificata. I topi senza TET2 presentavano una quantita’ superiore a quella normale di cellule ematopoietiche immature, cioe’ non ancora impegnate nella differenziazione descritta sopra. Col tempo, questi topi sviluppano delle emopatie mieloidi che assomigliano alle leucemie umane.
In contemporanea, l’analisi delle condizioni umane, mostra che esistono ugualmente mutazioni del TET2, soprattutto nelle condizioni che derivano dalle emopatie mieloidi affette da linfociti T. Queste mutazioni possono sopraggiungere in una cellula ematopoietica molto immatura (multipotente).
Questi risultati confermano che una inattivazione della funzione del gene TET2 porta allo sviluppo di tumori. I ricercatori dell’Inserm hanno quindi identificato un nuovo gene che sopprime il tumore.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!