Infiammazioni controllate da dif…

Le infiammazioni sono con…

Dengue: si parla molto della zan…

[caption id="attachment_6…

Malattie renali: nuovi studi fan…

[caption id="attachment_7…

Melanoma: il gene dei "rossi" ne…

Il pigmento della pel…

Sclerosi Multipla: casi in aumen…

I casi di sclerosi multip…

Endometriosi: il ruolo chiave de…

Un passo in avanti verso …

Ipertensione resistente: la diag…

Un'accurata valutazione d…

Emofilia: quel gene difettoso ch…

Risultati duraturi a 5 an…

Prima giornata nazionale di sens…

PRIMA GIORNATA NAZIONALE …

Papilloma virus, virus che attac…

Una ricerca dell'Azienda …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumori: progetto europeo PREDECT per terapie immediate e più efficaci

Superare il gap tra sperimentazione preclinica e clinica nello studio della diffusione delle cellule tumorali, con l’obiettivo di individuare terapie efficaci: e’ l’obiettivo del progetto di ricerca europeo denominato Predect, che coinvolge diverse aziende farmaceutiche europee tra cui Sigma-Tau, centri accademici di eccellenza e la Comunita’ Europea.

Alla base dell’iniziativa la considerazione che “la ricerca in questo campo non riesce a tradurre le osservazioni sperimentali di laboratorio in efficacia clinica, con la conseguente difficolta’ ad individuare terapie efficaci”. Nell’ambito di questo progetto Sigma Tau – spiega in una nota l’azienda – metterà a punto una nuova modellistica sperimentale per tumori quali carcinoma mammario, prostatico e polmonare, che potrà validare in ultima analisi a livello clinico nuovi bersagli terapeutici. I risultati di questa sperimentazione, che avrà la durata di 5 anni, permetteranno una maggiore accuratezza nel predire l’efficacia dei farmaci di nuova generazione nel paziente oncologico.

“Siamo orgogliosi – afferma Marco Brughera, Direttore R&D Corporate di Sigma-Tau – di poter partecipare a questo importante progetto collaborativo che ci vede parte di un team prestigioso, in quanto avremo modo di mettere a disposizione le nostre competenze per fornire degli strumenti di ricerca innovativi a chi si occupa di ricerca oncologica ed al contempo di irrobustire la nostra piattaforma di conoscenze che ci ha consentito di portare in sviluppo clinico diversi farmaci antitumorali, quali Gimatecan, Namitecan oltre ad approcci nell’ambito della immunoterapia dei tumori. L’oncologia è un’area strategica per Sigma-Tau con investimenti di oltre il 35% delle proprie risorse di R&D”.(ANSA).

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!