Diabete di tipo 2: gli asparagi …

Nella frittata, nel risot…

Tumore alla prostata: recidiva c…

La valutazione dettagliat…

Testosterone sarà la contraccezi…

[caption id="attachment_5…

Vaccino: tutto quello che bisogn…

Un esperto parla del vacc…

La "sesta base" del DNA e le spe…

Quella che è stata battez…

Scoperto il segreto della 'droga…

[ANSA]Comune a molte form…

Frutti rossi: due o tre porzioni…

Due o tre porzioni di fr…

Malaria: alcuni batteri presenti…

Le persone con limitata v…

Pediatria: no ai mucolitici sott…

La Societa' Italiana di P…

Gravi disturbi del sonno e la re…

[caption id="attachment_8…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Vaccino universale: trovato un ottimo candidato superanticorpo

Trovato un ‘superanticorpo’ in grado di combattere tutti i tipi di virus collegati all’influenza A. Si chiama ‘F16’ e secondo i ricercatori potrebbe rappresentare un punto di svolta nello sviluppo di nuovi trattamenti contro l’influenza.

Il virus dell’influenza muta costantemente, costringendo gli scienziati a produrre un nuovo vaccino stagionale ogni anno. Ma Antonio Lanzavecchia, immunologo presso l’Istituto di ricerca in biomedicina di Bellinzona, in Svizzera, e autore del nuovo studio pubblicato su Science, afferma che osservando la risposta immunitaria umana all’influenza si e’ convinto che sarebbe stato possibile progettare un vaccino in grado di prevalere sulle mutazioni.
“Durante la pandemia H1N1 del 2009 – ha spiegato Lanzavecchia – abbiamo trovato alcune persone con anticorpi a piu’ sottotipi virali”. Gli anticorpi, che vengono prodotte dai globuli bianchi, chiamate cellule B, si legano a siti specifici, inattivando i virus o indebolendoli nella distruzione di altre cellule immunitarie.

Per testare la cross-reattivita’ degli anticorpi, il team guidato da Lanzavecchia ha sottoposto a screening le cellule B provenienti da otto donatori umani che erano stati infettati con, o immunizzati contro, diversi ceppi di influenza A. Dopo aver esaminato 104.000 cellule B, i ricercatori si sono imbattuti nella scoperta. “Il nostro anticorpo FI6 si e’ rivelato il primo mai scoperto che reagisce a tutti i 16 sottotipi dell’influenza A”, ha affermato l’immunologo svizzero. E’ bene tener presente che l’anticorpo non e’ un vaccino, ma potrebbe essere un manuale di istruzioni per farne uno.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!