Trichinosi: sequenziato il genom…

Il genoma del nematode pa…

Infezioni ossee: scoperto come c…

[caption id="attachme…

MIT mette a punto un cerotto che…

Niente più lacrime quando…

Vaccino quadrivalente anti-HPV: …

Alti tassi di copertura v…

Olaparib: nuovo farmaco anti-can…

[caption id="attachment_1…

Virus ricombinato: uno scienziat…

[caption id="attachment_6…

Sudore: una fibra tessile studia…

I ricercatori dell'Imem-C…

Il 'bilinguismo' dei neuroni dop…

I neuroni dopaminergici u…

Dalla Ginecologia dell’Ospedale …

Unità Operativa Complessa…

Nuovi studi sull'attivita' dell'…

[caption id="attachment_5…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Vaccino universale: trovato un ottimo candidato superanticorpo

Trovato un ‘superanticorpo’ in grado di combattere tutti i tipi di virus collegati all’influenza A. Si chiama ‘F16’ e secondo i ricercatori potrebbe rappresentare un punto di svolta nello sviluppo di nuovi trattamenti contro l’influenza.

Il virus dell’influenza muta costantemente, costringendo gli scienziati a produrre un nuovo vaccino stagionale ogni anno. Ma Antonio Lanzavecchia, immunologo presso l’Istituto di ricerca in biomedicina di Bellinzona, in Svizzera, e autore del nuovo studio pubblicato su Science, afferma che osservando la risposta immunitaria umana all’influenza si e’ convinto che sarebbe stato possibile progettare un vaccino in grado di prevalere sulle mutazioni.
“Durante la pandemia H1N1 del 2009 – ha spiegato Lanzavecchia – abbiamo trovato alcune persone con anticorpi a piu’ sottotipi virali”. Gli anticorpi, che vengono prodotte dai globuli bianchi, chiamate cellule B, si legano a siti specifici, inattivando i virus o indebolendoli nella distruzione di altre cellule immunitarie.

Per testare la cross-reattivita’ degli anticorpi, il team guidato da Lanzavecchia ha sottoposto a screening le cellule B provenienti da otto donatori umani che erano stati infettati con, o immunizzati contro, diversi ceppi di influenza A. Dopo aver esaminato 104.000 cellule B, i ricercatori si sono imbattuti nella scoperta. “Il nostro anticorpo FI6 si e’ rivelato il primo mai scoperto che reagisce a tutti i 16 sottotipi dell’influenza A”, ha affermato l’immunologo svizzero. E’ bene tener presente che l’anticorpo non e’ un vaccino, ma potrebbe essere un manuale di istruzioni per farne uno.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi