Alzheimer e memoria semantica: l…

[caption id="attachment_1…

La qualità del sonno migliora co…

Un nuovo studio statunit…

Alzheimer: funziona la prevenzio…

La somministrazione prolu…

Protesi neuromuscolari: possibil…

L'intenzione di movimento…

Arrivano gli stent per i restrin…

Buone notizie per i pazie…

Osservatorioinfluenza.it si rinn…

Una sezione dettagliata s…

Dal colesterolo una speranza con…

[caption id="attachm…

Sindrome di Marfan: un 'paziente…

Si deve alla 'testardaggi…

"L'ho già visto!" - Scienziati s…

Il suono di una voce che …

SLA: un errore nella formazione …

Un errore nella formazion…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Aumentare i livelli di HDL non serve a prevenire malattie cardiovascolari

Roma, 16 ago – Aumentare i livelli di Hdl (high-density lipoprotein), il cosiddetto ”colesterolo buono”, non e’ sufficiente a prevenire le malattie cardiovascolari.

La notizia arriva da Nature Medicine, che sottolinea come gli studi clinici in cui e’ stata analizzata l’efficacia della somministrazione contemporanea di statine – i farmaci che abbassano i livelli di colesterolo cattivo – e di principi attivi che innalzano le concentrazioni ematiche di Hdl (niacina e fibrati) non diminuisce il rischio cardiovascolare piu’ di quanto non facciano gia’ da sole le statine.

”Nel momento delle vere sperimentazioni cliniche, nessuno dei trattamenti ha superato la prova”, ha spiegato Sanjay Kaul, cardiologo del Cedars-Sinai Medical Center di Los Angeles (Stati Uniti).

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!