Nuova SARS: molecola impedisce l…

Alcuni scienziati della F…

Sindrome premestruale, il proble…

Alla base della sindrome …

"L'ho già visto!" - Scienziati s…

Il suono di una voce che …

Cancro al fegato: vaccino vaiolo…

- Un farmaco ottenuto d…

Schizofrenia: farmaco sperimenta…

Un farmaco antitumorale s…

Nei mancini il rischio psicosi è…

Una brutta notizia per i …

Cancro al fegato: sperimentata u…

Bloccare il nutrimento al…

Sclerosi Multipla e CCSVI: al vi…

È partito anche a Reggio …

SLA: nuovi studi sul gene FUS, e…

Gli aggregati proteici ti…

Dal CHMP una misura di cautela …

Roma, 26 gennaio 2015 - I…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cannabis terapeutica: in California maggior diffusione

I ricercatori dell’Università di California, Santa Cruz, hanno analizzato i dati di 1746 consecutivi pazienti di nove dispensari di cannabis medica.

Gli Autori riportano che “il sollievo del dolore, degli spasmi, del mal di testa, dell’ansia, così come il miglioramento del sonno e del rilassamento erano i motivi che i pazienti citavano per l’uso di marijuana medica”. In particolare l’ 82.6% la usavano per il dolore, il 70.7% per migliorare il sonno, il 55% per rilassamento, il 41% per gli spasmi muscolari, il 41% per la cefalea, il 38% per l’ansia, il 28% per la nausea e il 26% per la depressione.
I pazienti riferivano che la cannabis produceva più di un beneficio terapeutico, e il 79,3% riferiva inoltre di aver provato precedentemente altri farmaci prescritti dai loro medici, e quasi la metà di tali farmaci erano oppiacei. Due quinti dei pazienti non avevano mai usato la canapa per uso ludico prima di provare la cannabis medica. L’uso di tabacco in questo campione di pazienti era più elevato della media, mentre l’uso di alcol era più basso. Anche l’uso di “droghe”, come la cocaina, la metamfetamina e l’eroina, era minore rispetto alla popolazione generale.


L’86,1% dei pazienti usava la via inalatoria, il 25% assumeva il farmaco per via orale, il 22% utilizzava i vaporizzatori e circa il 3% usava la via topica (locale). La maggioranza dei pazienti consumava fino a tre grammi di cannabis la settimana, e il 56,1% affermava che l’assumeva prima di andare a dormire.
Gli Autori concludono:”Rispetto ai primi studi sui pazienti che usavano la cannabis medica, questi dati suggeriscono che la popolazione dei pazienti si è modificata e da malati affetti soprattutto da AIDS e cancro si è passati a una tipologia significativamente diversa di pazienti…Ciò suggerisce che la popolazione dei pazienti sembra evolvere a mano a mano che nuovi malati e medici scoprono l’uso terapeutico della cannabis”.
(Francesco Crestani Pres. Associazione Cannabis Terapeutica)

Who Are Medical Marijuana Patients? Population Characteristics from Nine California Assessment Clinics Craig Reinarman Ph.D.a*, Helen Nunberg M.D.M.P.H.a, Fran Lanthier M.A.a & Tom Heddleston M.A.a Journal of Psychoactive Drugs Volume 43, Issue 2, 2011

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi