L'Italian Rolfing week, per dire…

Sedute gratuite e seminar…

NEUROPROBES: il progetto per son…

[caption id="attachment_7…

Tumore al seno: fumo e recettori…

[caption id="attachment_8…

Difetti della coagulazione e odo…

Roma, 21 novembre 2013 - …

Cancro, nuove scoperte tra inter…

Sessanta nuovi geni poten…

Perdita di udito: come affrontar…

Circa il 16 per cento deg…

Tumori: una proteina correlata a…

La mancanza della protein…

Esami di imaging fanno lievitare…

Gli esami di imaging sono…

Morbillo: il virus che potrebbe …

Il virus del morbillo, in…

Oncologo: dalle sigarette elettr…

"Il vantaggio evident…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Epatite C: vicini ad un vaccino

Potrebbe essere più vicino il vaccino contro l’epatite C, malattia virale che colpisce, secondo le stime, 150 milioni di persone nel mondo con gravi complicazioni come l’insufficienza epatica e il cancro al fegato, e che fa registrare centinaia di migliaia di morti l’anno.

Ricercatori europei degli istituti di ricerca francesi Cnrs e Inserm hanno infatti elaborato una nuova strategia vaccinale, illustrata in uno studio pubblicato su ‘Science Translational Medicine’. I loro lavori aprono la strada a un vaccino contro questa infezione ma anche contro altre malattie virali, in particolare Aids e dengue. Gli scienziati hanno elaborato una tecnologia basata sull’utilizzo delle ‘pseudo-particelle’ virali o ‘chimeriche’, uguali a quelle realmente virali senza però essere dannose.

Le ‘pseudo-particelle’ sono state create in laboratorio a partire da frammenti di due virus distinti. Successivamente, con le ‘chimere’ ottenute sono stati vaccinati alcuni macachi e alcuni topi. Si è scoperto così che gli animali producevano anticorpi che neutralizzano i virus dell’epatite C.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!