Processo formazione virus HIV: o…

Un gruppo di ricercatori …

Merck lancia SPOT My TRIAL, prog…

L’iniziativa prevede …

A Bologna il VII Congresso Nazio…

Nel capoluogo emiliano …

[Aduc]Vaccini: luoghi comuni, bu…

Dal fatto che il morbillo…

Ipersonnia: è un sonnifero che '…

Alcune persone soffrono d…

Tumore dell'ovaio: più informazi…

A Milano incontro pubblic…

Vitamina D non efficace in tutti…

Le carenze di vitamina D…

Ossitocina: l'ormone che rende f…

L’ormone ossitocina potre…

L’aumento della spesa privata in…

La scelta di mettere on-l…

Identificato un metodo per gener…

[caption id="attachment_5…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Proprietà antibatteriche dell’Olio di Coriandolo

Conosciuto come il ‘prezzemolo cinese’ per la grande somiglianza con la più nota spezia nostrana, il coriandolo è apprezzato (in semi o foglie) nelle cucine orientali per il suo carattere esotico e fresco.

Un ‘jolly’ da utilizzare in molte ricette. Ora però un team di ricercatori portoghesi ne ha svelato anche le proprietà antibatteriche. L’olio di coriandolo, spiegano, può essere usato per curare una serie di infezioni e tossinfezioni alimentari. Ma è anche un arma ‘verde’ contro il ‘superbatterio’ Mrsa (lo stafilococco aureo meticillino-resistente).
Lo studio dell’University of Beira Interior, pubblicato sul ‘Journal of Medical Microbiology’, ha dimostrato che l’olio estratto da questo vegetale può essere una valida alternativa agli antibiotici contro l’Mrsa. Un batterio molto resistente ai farmaci, che può provocare infezioni della pelle, delle ossa, delle articolazioni e polmoniti.

Gli scienziati hanno testato campioni d’olio di coriandolo, estratto dai semi della pianta, contro 12 fra i batteri letali più diffusi. Tutti i germi trattati con l’olio vegetale mostravano una crescita ridotta, e la maggior parte veniva uccisa da una soluzione d’olio concentrata a meno dell’1,6%. Il team ha inoltre osservato che la sostanza funziona attaccando e distruggendo la membrana esterna dei batteri, inclusi salmonella, E. Coli e appunto l’Mrsa.
“L’olio di coriandolo – afferma Fernanda Domingues, autrice dello studio – potrebbe aiutare milioni di persone che ogni anno vengono colpite da infezioni batteriche veicolate dagli alimenti. Questo rimedio naturale – aggiunge l’esperta – potrebbe diventare una valida alternativa ai comuni antibiotici. Inoltre possiamo prevedere l’utilizzo dell’olio di coriandolo in lozioni, colluttori e persino in pillole, per combattere le infezioni batteriche multiresistenti che altrimenti non potrebbero essere trattate”.
Secondo la Food Standards Agency, riporta il quotidiano britannico ‘Daily Mail’, nel Regno Unito ogni anno circa un milione di persone subiscono una tossinfezione alimentare. Sono 20.000 i pazienti che hanno bisogno di cure ospedaliere e circa 500 i decessi. Nel periodo 2009-2010 ci sono stati nel Paese 1.900 casi di Mrsa, con 500 vittime.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi