Innovazione in campo nutrizional…

Il test genetico e l’inte…

Diabete: quali sono i legami con…

Ci sarebbe un legame tra …

Arriva il contraccettivo dei cin…

[caption id="attachment_8…

Il meccanismo che decide la fine…

I ricercatori del Sanford…

Carenza di ferro e anemia: nel m…

Diete sbagliate e disturb…

Il colore dei capelli 'estratto'…

E' possibile grazie all'i…

Il Consiglio di Stato conferma c…

Roma, 11 marzo 2013 - “Fa…

Cervello: la precarietà della ma…

L'instabilita' della …

Quando il dentista è in vacanza …

Dal dottor Marco Turc…

Scoprire e trattare l’intolleran…

Milano, 16 dicembre 2013 …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Approvato farmaco per il trattamento dell’ Artrite Idiopatica Giovanile Sistemica

La Commissione Europea ha approvato l’uso del farmaco biologico tocilizumab per il trattamento dell’ Artrite Idiopatica Giovanile Sistemica (AIGs) nei pazienti dai due anni d’eta’ che non hanno risposto adeguatamente a precedenti terapie a base di farmaci anti-infiammatori.

Lo ha reso noto Roche, precisando che il farmaco in questione puo’ essere somministrato da solo o in combinazione con metotrexato. In Italia sono circa 10 mila i bambini e gli adolescenti che convivono con l’artrite giovanile, una malattia reumatica che esordisce prima dei 16 anni e che colpisce un bambino ogni mille.

Di questi, il 10-20% e’ affetto dalla forma sistemica della malattia (AIGs), con un tasso di mortalita’ complessivo del 2-4% e una punta massima di esordio fra i 18 mesi e i due anni d’eta’. Tocilizumab e’ attualmente usato per il trattamento dell’ artrite reumatoide adulta nelle persone che non hanno risposto, o sono risultate intolleranti, a precedenti trattamenti. La richiesta di estensione dell’indicazione si basa su dati positivi ottenuti in uno studio clinico di fase III, noto come Tender, secondo i quali l’85% dei bambini affetti da AIGs che ha ricevuto tocilizumab, ha ottenuto un miglioramento del 30% di segni e sintomi, oltre all’assenza di febbre, dopo 12 settimane di terapia, contro il 24% dei bambini che ha ricevuto placebo. (ANSA).

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!