Sindrome da stanchezza cronica: …

La sindrome da stanchezz…

Ebola: è nipponico l'annuncio di…

I ricercatori giapponesi …

Arriva l'inverno: come difenders…

Una ricerca dell’Osservat…

Cosa non permette alle staminali…

Si tratta del gene Sept4,…

Dengue: zanzare modificate per c…

Scienziati australiani ha…

La terribile resistenza dei geni…

I geni possiedono di norm…

il DNA: le funzioni che hanno, f…

Alcuni meccanismi di prot…

Nuova cura risolve l'eczema dell…

[caption id="attachment_1…

Vaccino: dal 2012 il pediatrico …

Si chiama LAIV (Live Atte…

Calvizie: un nuovo gene 'imputab…

[caption id="attachment_7…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Approvato farmaco per il trattamento dell’ Artrite Idiopatica Giovanile Sistemica

La Commissione Europea ha approvato l’uso del farmaco biologico tocilizumab per il trattamento dell’ Artrite Idiopatica Giovanile Sistemica (AIGs) nei pazienti dai due anni d’eta’ che non hanno risposto adeguatamente a precedenti terapie a base di farmaci anti-infiammatori.

Lo ha reso noto Roche, precisando che il farmaco in questione puo’ essere somministrato da solo o in combinazione con metotrexato. In Italia sono circa 10 mila i bambini e gli adolescenti che convivono con l’artrite giovanile, una malattia reumatica che esordisce prima dei 16 anni e che colpisce un bambino ogni mille.


Di questi, il 10-20% e’ affetto dalla forma sistemica della malattia (AIGs), con un tasso di mortalita’ complessivo del 2-4% e una punta massima di esordio fra i 18 mesi e i due anni d’eta’. Tocilizumab e’ attualmente usato per il trattamento dell’ artrite reumatoide adulta nelle persone che non hanno risposto, o sono risultate intolleranti, a precedenti trattamenti. La richiesta di estensione dell’indicazione si basa su dati positivi ottenuti in uno studio clinico di fase III, noto come Tender, secondo i quali l’85% dei bambini affetti da AIGs che ha ricevuto tocilizumab, ha ottenuto un miglioramento del 30% di segni e sintomi, oltre all’assenza di febbre, dopo 12 settimane di terapia, contro il 24% dei bambini che ha ricevuto placebo. (ANSA).

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi