Ictus: nuove terapie 'a misura' …

Da un nuovo studio dei ri…

Acque minerali non sempre più si…

L'acqua in bottiglia cost…

Infarti silenti: il rischio nell…

La mancanza dei sintomi c…

Parte la Campagna “Un minuto che…

·         Parte il Pr…

Sindromi influenzali in età pedi…

L’influenza è una malatti…

Scoperta una proteina che rallen…

Bloccando una proteina c…

Posta elettronica: gli atteggiam…

Volete essere felici o se…

Alzheimer e placche amiloidi: sc…

Nel modello animale iniez…

Cancro ovarico: oltre 5000 nuovi…

E' sconosciuto o confuso …

Gli antibiotici espongono alle i…

L’uso di antibiotici pu…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Infiammazioni controllate da differenti enzimi, a seconda della parte colpita.

Le infiammazioni sono controllate da differenti enzimi in diverse parti del corpo. La scoperta potrebbe portare a farmaci che proteggono dalle infiammazioni bloccando specifici enzimi senza avere gli effetti collaterali delle sostanze come l’ibuprofene.

La ricerca dello Scripps Research Institute e’ stata pubblicata su Science Express e ha identificato una nuova via metabolica per il controllo delle infiammazioni cerebrali. Gli scienziati si sono concentrati sul tipo di infiammazioni trattabili con farmaci anti-infiammatori non steroidei (NSAID) come l’aspirina o l’ibuprofene. La ricerca ha mostrato che le infiammazioni di questo genere sono controllate da enzimi diversi in diverse parti del corpo. “Le nostre scoperte aprono la strada a dei farmaci anti-infiammatori che sono piu’ specifici per i tessuti e che non hanno gli effetti collaterali dei NSAID”, ha spiegato Benjamin F. Cravatt, che ha condotto lo studio.

I farmaci NSAID come l’ibuprofene riducono le infiammazioni che si originano dall’acido arachidonico ma inibiscono gli enzimi che proteggono il tratto gastrointestinale: gli effetti collaterali sono ben noti, come ad esempio il sanginamento gastrointestinale. Il nuovo studio potrebbe far sviluppare un nuovo farmaco che agisce sull’enzima MAGL (monoacylglycerol lipase) che i ricercatori hanno scoperto essere il maggior con trollore dei livelli di acido arachidonico, e potrebbe portare a una strategia migliore per trattare Alzheimer, Parkinson, sclerosi multipla, traumi al cervello e tutte quelle malattie che comportano dannose, ma potenzialmente trattabili, infiammazioni cerebrali .

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi