Di nuove liberalizzazioni il ser…

  Roma, 6 febbraio 201…

FIMP - Dermatite atopica in età …

La FIMP: “C’è bisogno di …

Cellule staminali: al via test c…

Cellule embrionali ai 'na…

Un primo bilancio della campagna…

 AssoGenerici e Federanzi…

Federfarma sollecita a rivedere …

Per venire incontro a…

Ecografo tascabile VScan: nuovo …

Arriva in Italia e Spagna…

Cancro e mRNA: cambiamento di ro…

[caption id="attachme…

Atrofia muscolare spinale: farma…

Un nuovo farmaco promette…

Medicina preventiva sulla base d…

[caption id="attachment_7…

Cervello: nessuna differenza tra…

Dimenticate la teoria sec…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Infiammazioni controllate da differenti enzimi, a seconda della parte colpita.

Le infiammazioni sono controllate da differenti enzimi in diverse parti del corpo. La scoperta potrebbe portare a farmaci che proteggono dalle infiammazioni bloccando specifici enzimi senza avere gli effetti collaterali delle sostanze come l’ibuprofene.

La ricerca dello Scripps Research Institute e’ stata pubblicata su Science Express e ha identificato una nuova via metabolica per il controllo delle infiammazioni cerebrali. Gli scienziati si sono concentrati sul tipo di infiammazioni trattabili con farmaci anti-infiammatori non steroidei (NSAID) come l’aspirina o l’ibuprofene. La ricerca ha mostrato che le infiammazioni di questo genere sono controllate da enzimi diversi in diverse parti del corpo. “Le nostre scoperte aprono la strada a dei farmaci anti-infiammatori che sono piu’ specifici per i tessuti e che non hanno gli effetti collaterali dei NSAID”, ha spiegato Benjamin F. Cravatt, che ha condotto lo studio.

I farmaci NSAID come l’ibuprofene riducono le infiammazioni che si originano dall’acido arachidonico ma inibiscono gli enzimi che proteggono il tratto gastrointestinale: gli effetti collaterali sono ben noti, come ad esempio il sanginamento gastrointestinale. Il nuovo studio potrebbe far sviluppare un nuovo farmaco che agisce sull’enzima MAGL (monoacylglycerol lipase) che i ricercatori hanno scoperto essere il maggior con trollore dei livelli di acido arachidonico, e potrebbe portare a una strategia migliore per trattare Alzheimer, Parkinson, sclerosi multipla, traumi al cervello e tutte quelle malattie che comportano dannose, ma potenzialmente trattabili, infiammazioni cerebrali .

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi