Legge 40 e diagnosi preimpianto:…

La Corte europea dei diri…

Gastroenterite: aumentano negli …

Aumenta il numero di pers…

Obesità: dimagrire con farmaco a…

La saliva del mostro di …

'Merenda con il leone': sensibil…

ALL’OSPEDALE SACCO SI FA …

Scoperto un processo chiave dell…

[caption id="attachme…

Zero casi di meningite: un obiet…

Soglie di copertura vacci…

Convulsioni dovute ad anestetici…

Una nuova ricerca ha iden…

TRAUMA SPINALE, SCOPERTA ITALIA…

Milano, 15 Giugno 2009 …

Chili di troppo che si ereditano…

I chili di troppo si ered…

Trapianto cardiaco: nuovo test d…

Prevedere con netto antic…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

L’aspirina riduce rischio cancro colon-rettale nel 50% dei casi ereditari

L’assunzione regolare di aspirina per piu’ di 5 anni dimezza il rischio di sviluppare forme ereditarie di cancro, come quelle all’intestino e all’utero.

Dalla ricerca pubblicata su Lancet emerge che tra chi soffre della sindrome di Lynch, una malattia ereditaria che provoca lo sviluppo di polipi che nel 50% dei casi evolvono in un cancro, ha sviluppato il tumore solo il 15% dei consumatori abituali di aspirina, mentre la percentuale sale al 30% nel caso degli altri pazienti.

I ricercatori ipotizzano che l’aspirina sia in grado di uccidere le cellule dei polipi prima che diventino cancerose. ”Ora – precisa Patrick Morrison della Queen’s University di Belfast (Irlanda), coautore dello studio – vogliamo determinare il dosaggio piu’ efficace per la prevenzione dei tumori ereditari”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!