In stato vegetativo, ma 'rispond…

[caption id="attachment_5…

HIV: scoperto il meccanismo che …

[caption id="attachment_7…

Morbo di Parkinson: Michael J Fo…

Caccia alle 'spie' del Pa…

Cancro polmonare: individuati tr…

Identificati tre sottogru…

Organelli citoplasmatici: un sis…

L'ottimizzazione delle di…

Quinto gusto, e i benefici sulla…

La possibilita' di gustar…

Chemioterapie: Menarini sperimen…

Nuova terapia piu' effica…

Resistenza agli antibiotici: una…

In ogni tipo di ambiente …

Fumo passivo: fa ingrassare

Chi teme che smettere di …

Degenerazione maculare senile: s…

I ricercatori dell'Univer…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

L’aspirina riduce rischio cancro colon-rettale nel 50% dei casi ereditari

L’assunzione regolare di aspirina per piu’ di 5 anni dimezza il rischio di sviluppare forme ereditarie di cancro, come quelle all’intestino e all’utero.

Dalla ricerca pubblicata su Lancet emerge che tra chi soffre della sindrome di Lynch, una malattia ereditaria che provoca lo sviluppo di polipi che nel 50% dei casi evolvono in un cancro, ha sviluppato il tumore solo il 15% dei consumatori abituali di aspirina, mentre la percentuale sale al 30% nel caso degli altri pazienti.


I ricercatori ipotizzano che l’aspirina sia in grado di uccidere le cellule dei polipi prima che diventino cancerose. ”Ora – precisa Patrick Morrison della Queen’s University di Belfast (Irlanda), coautore dello studio – vogliamo determinare il dosaggio piu’ efficace per la prevenzione dei tumori ereditari”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi