Cuore torna a battere con cellul…

Lo studio dell'Univer…

Bibite dolcificate: a rischio de…

Bere troppe bibite dolcif…

Alzheimer: arteterapia e sindrom…

Applicata alla demenza,…

Morbo di Parkinson: scoperta pro…

Scoperta la proteina-sent…

La differenziazione delle cellul…

Sono alcune cascate d…

Patologie cardiache: saranno tra…

L'uso su malati cardiopat…

Le cellule "assassine" che posso…

Grazie a una nuova ricerc…

Ustioni gravi con pomate antidol…

Alcune pomate antidolori…

La missione benessere sara' mant…

[caption id="attachme…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Sclerosi Multipla: bimbi sempre più sotto l’attacco della malattia invalidante

Bimbi sempre più sotto attacco della sclerosi multipla: il 4% dei malati italiani è under 16% e lo 0,8% ha un’età compresa fra 4 e 11 anni.

Dati in crescita negli ultimi anni, perché ora i bambini si ammalano sempre prima. L’età di insorgenza della patologia si abbassa, spiega il neurologo Carlo Pozzilli, sentito dai giornalisti italiani ad Amsterdam, dove è in corso il V meeting congiunto Ectrims/Actrims (i comitati europeo e americano per la ricerca e il trattamento della sclerosi multipla).
Un trend dalle cause ancora misteriose, precisa l’esperto, che tuttavia conferma il ruolo di fattori come deficit di vitamina D (poca esposizione al sole) e infezione da virus Epstein-Barr.

Il fenomeno segnalato da Pozzilli, ordinario di neurologia all’università Sapienza-ospedale Sant’Andrea di Roma, apre anche un problema etico relativo all’opportunità di testare i farmaci specifici sui bambini. Oggi, infatti, le terapie in uso negli ‘under 16’ sono state sperimentate sugli adulti. In genere, aggiunge lo specialista, questi farmaci funzionano meglio nei bambini rispetto agli adulti, perché la sclerosi multipla infantile è sostanzialmente di tipo infiammatorio, e i farmaci riescono meglio a ‘riparare’ i neuroni danneggiati. (AdnKronos Salute)

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi