Virus HIV: scoperta dinamica gem…

Da tempo è stato provato …

Nel DNA le orme dell'infinita lo…

Dalla peste bubbonica all…

Dalle crucifere un composto (sul…

Un composto contenuto nel…

Legame 'chimico' tra padre e fig…

[caption id="attachme…

Parkinson attivato 'in vitro' pe…

[caption id="attachment_1…

Il colesterolo "brutto" e le imp…

Il rischio di malattie ca…

Mieloma multiplo: suggerimenti d…

Perché un tumore risponde…

Da oggi in Italia è disponibile …

[caption id="attachment_1…

Presto un esame per predire risc…

[caption id="attachment_9…

Mini-ictus riducono le aspettati…

Un 'mini-ictus', un attac…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

“Cuore Matto” per due calciatori su 100, costretti poi allo stop.

(Adnkronos Salute) – Controlli capillari che ci vengono invidiati in tutta Europa. Visite medico sportive ed esami ‘ad hoc’ per scovare le patologie cardiologiche. E’ la trafila che tutti i calciatori professionisti italiani conoscono molto bene, in grado di prevenire i pericoli del cuore matto.

“Oggi i calciatori sono gli atleti più controllati nel nostro Paese – spiega all’Adnkronos Salute Fabio Pigozzi, presidente della Federazione internazionale medicina sportiva (Fims) – grazie a un sistema all’avanguardia. Ma possiamo stimare che l’1-2% è costretto a interrompere la carriera professionistica per problemi cardiologici”.
Il caso del campione del Milan Antonio Cassano, ricoverato al Policlinico di Milano per un presunto attacco ischemico transitorio, ha fatto scattare l’allarme sulla salute dei professionisti della serie A. Secondo Pigozzi, la situazione è sotto controllo: “Un giocatore che arriva nella massima serie viene da 12-15 anni di controlli e valutazioni mediche sportive.

Il suo cuore – avverte l’esperto – è stato studiato nei minimi dettagli grazie a una batteria di test, come l’elettrocardiogramma sotto sforzo ripetuto nelle 24 ore”. Ma possono accadere eventi esterni, traumatici o essere presenti patologie ereditarie difficili da stanare solo con gli esami, “che – precisa Pigozzi – possono manifestarsi anche dopo dieci anni di attività ad alti livelli e causare danni al cuore”.
Secondo lo specialista, il cuore del calciatore, quando viene sottoposto alle cure del medico sportivo, “è come se finisse su un banco di prova di un meccanico. Dove – avverte – può venire stressato a dovere per vederne le reazioni”. Anche se il calcio non è in vetta alla classifica degli sport più a rischio cardiovascolare, che vede il basket in testa, “oggi la letteratura scientifica – afferma Pigozzi, che è anche prorettore dell’università ‘Foro Italico’ di Roma – ci dice che, tra gli episodi cadiologici più frequenti nei calciatori, troviamo le cardiopatie ipertrofiche, le displasie ventricolari e i problemi alle coronarie”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi