Alzheimer e memoria semantica: l…

[caption id="attachment_1…

La qualità del sonno migliora co…

Un nuovo studio statunit…

Alzheimer: funziona la prevenzio…

La somministrazione prolu…

Protesi neuromuscolari: possibil…

L'intenzione di movimento…

Arrivano gli stent per i restrin…

Buone notizie per i pazie…

Osservatorioinfluenza.it si rinn…

Una sezione dettagliata s…

Dal colesterolo una speranza con…

[caption id="attachm…

Sindrome di Marfan: un 'paziente…

Si deve alla 'testardaggi…

"L'ho già visto!" - Scienziati s…

Il suono di una voce che …

SLA: un errore nella formazione …

Un errore nella formazion…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Disfunzione erettile: sei uomini su dieci si confidano col medico di famiglia

Almeno una volta nella vita un uomo su due fa i conti con la disfunzione erettile, il problema maschile piu’ diffuso.

E i disturbi sessuali restano spesso un segreto per il partner, anche se 6 italiani su 10 si confidano con il medico di famiglia. Se ne e’ parlato al Congresso Nazionale della Simg (Societa’ italiana di Medicina generale) in corso a Firenze. “E’ sufficiente affrontare il problema durante la visita di routine per aumentare di 6 volte la possibilita’ di una diagnosi precoce ed efficace, con reciproca soddisfazione per lei e per lui”, ha osservato Raffaella Michieli, segretario nazionale Simg. Per sconfiggere la disfunzione erettile, sempre piu’ maschi ricorrono ai farmaci, ma solo il 4% delle compagne ne e’ a conoscenza.

Un segreto che rende particolarmente apprezzata la ‘mentina dell’amore’, il vardenafil orodispersibile, che associa praticita’ e discrezione: “E’ la piu’ recente novita’ in questo campo disponibile in Italia da pochi mesi – ha spiegato Mario Maggi, direttore della SODC di Medicina della Sessualita’ e Andrologia all’AOU Careggi di Firenze – si mette sulla lingua, si scioglie in bocca senz’acqua in pochi secondi e puo’ essere assunto indipendentemente dai pasti. Questo consente di vivere la propria sessualita’ con maggiore liberta’, elemento che certamente rafforza l’intesa. Il deficit erettile puo’ essere addirittura una fortuna: e’ una spia utile che permette di cogliere precocemente patologie piu’ importanti ed eventi cardiovascolari anche gravi, che possono quindi essere identificati, diagnosticati e curati”. Tra i nemici della virilita’ il fumo occupa il primo posto, ricordano dalla Simg. “Se associato a patologie come il diabete o l’ipertensione, aumenta rispettivamente di cinque e due volte la possibilita’ di comparsa di disfunzione erettile – ha continuato Michieli – il problema riguarda il 36% dei diabetici contro il 12,8% della popolazione generale”. Infine, attenzione all’obesita’: un recente studio ha sottoposto persone con molti chili di troppo (BMI 36.9) alla perdita del 10% del loro peso corporeo, e tra le conseguenze piu’ immediate vi e’ stato un netto miglioramento delle performance sotto le lenzuola. “L’ambulatorio del medico di famiglia e’ la sede ideale per la prevenzione delle patologie legate alla sfera sessuale, vista la conoscenza che abbiamo del paziente”, ha concluso l’esperta. Sono oltre tre milioni gli italiani che soffrono di disfunzione erettile. Alla base vi sono spesso cause psicologiche: secondo le ultime indagini, circa il 40% degli uomini vive con ansia le prestazioni sessuali e il 25% dice di sentirsi insicuro di fronte a donne sempre piu’ esigenti.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!