Siena: via allo sviluppo vaccino…

[caption id="attachment_7…

La percezione visiva migliorata …

Anche chi vede bene non s…

Come si adatta il cervello allo …

Come si adatta il cervell…

Diabete e ictus: la genetica ind…

[caption id="attachment_8…

Linagliptin riduce in modo signi…

I risultati degli studi…

Mamma, vado all’asilo. Tutti i c…

Decidere di mandare un ba…

Tumori sfuggono al sistema immun…

[caption id="attachment_6…

Prima interfaccia cerebrale uomo…

Comandare il moviment…

EPAC ONLUS plaude alla prima ris…

[caption id="attachment_7…

Telethon al S. Raffaele, scopre …

La scoperta, realizza…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Mangiare pesce in età pediatrica abbatte il rischio di respiro sibilante

Una nuova ricerca condotta in Svezia mostra come i bambini che hanno consumato pesce prima dell’età di nove mesi, hanno un rischio minore di soffrire di respiro sibilante in età prescolare.

Ciò cambia, tuttavia, se sono stati trattati con antibiotici a largo spettro nella prima settimana di vita o se la madre ha assunto paracetamolo durante la gravidanza. Lo studio sarà pubblicato sulla rivista Acta Paediatrica nel mese di dicembre.

Scienziati provenienti dall’Ospedale pediatrico Regina Silvia presso l’Università di Göteborg, in Svezia, hanno analizzato un campione di 4.171 famiglie scelte in modo casuale. I partecipanti hanno risposto alle domande quando il loro figlio aveva 6 mesi, 12 mesi e 4,5 anni di età. Il team ha cercato di scoprire i fattori di rischio per il respiro sibilante in età prescolare, in particolare in associazione con il consumo di pesce e l’esposizione precoce agli antibiotici. Intendevano inoltre scoprire le potenziali differenze tra il respiro sibilante con cause scatenanti multiple e la dispnea episodica virale.

“Il respiro sibilante ricorrente è un problema clinico molto comune nei bambini in età prescolare e vi è la necessità di un miglior trattamento medico e una migliore comprensione dei meccanismi di fondo”, spiega la dottoressa Emma Goksor dello stesso ospedale, primo autore dell’articolo. “Lo scopo del nostro studio era di individuare sia i principali fattori di rischio che i fattori protettivi della malattia. La nostra analisi demografica suggerisce che le risposte che abbiamo ottenuto sono ampiamente rappresentative della popolazione nel suo insieme e riteniamo che i nostri risultati forniscano informazioni utili su tre importanti fattori coinvolti nel respiro sibilante in età prescolare”.

I ricercatori hanno valutato bambini che avevano avuto almeno tre episodi di respiro sibilante nel corso dell’ultimo anno, in confronto a bambini che non ne soffrivano. Sono stati inclusi nello studio i bambini trattati con corticosteroidi per l’asma o altre malattia. Il team ha diviso il gruppo con sibilo in bambini che sviluppavano dispnea episodica virale quando avevano un raffreddore, e bambini con respiro sibilante con cause scatenanti multiple, ovvero i quali sibilavano anche quando non avevano un raffreddore, a causa di allergeni, fumo di tabacco o esercizio fisico.

Complessivamente, il 20% dei bambini ha segnalato uno o più episodi di respiro sibilante, e il 5% ha riferito sibili ricorrenti nel corso dell’ultimo anno. Circa il 75% di questi sono stati trattati per l’asma e più del 50% ha riferito asma diagnosticato dal medico.

Per quanto riguarda il consumo di pesce, i bambini che avevano mangiato pesce prima dei nove mesi di età avevano una probabilità del 50% inferiore di soffrire di respiro sibilante ricorrente all’età di 4,5 anni. Il pesce bianco è in cima alla lista, seguito da salmone e pesci piatti.

Secondo i ricercatori, in trattamento con antibiotici ad ampio spettro nella prima settimana di età era legato a un raddoppio del rischio di respiro sibilante a 4,5 anni. Solo il 3,6% dei bambini del gruppo privo di respiro sibilante aveva ricevuto antibiotici, contro 10,7% di coloro che avevano avuto almeno tre episodi. Il rischio aumentava per i bambini con respiro sibilante con cause scatenanti multiple. I ricercatori non hanno trovato alcun aumento statistico significativo con il rischio di episodi di dispnea episodica virale.

Per quanto riguarda l’uso di paracetamolo, i ricercatori hanno scoperto che il 28,4% delle madri aveva assunto il farmaco durante la gravidanza. L’incidenza di esposizione prenatale al paracetamolo nel gruppo con respiro sibilante che assumeva farmaci per l’asma era del 12,4%; l’assunzione di paracetamolo durante la gravidanza aumentava il rischio del 60%. Il team dice che l’effetto era evidente nel gruppo con respiro sibilante con cause scatenanti multiple, dove il rischio era raddoppiato.

Il dottor Goksor conclude: “I nostri risultati mostrano chiaramente che mentre il pesce ha un effetto protettivo contro lo sviluppo del respiro sibilante in età prescolare, i bambini che hanno assunto antibiotici nella prima settimana di vita e le cui madri hanno assunto paracetamolo durante la gravidanza, presentano un rischio maggiore, in particolare di respiro sibilante con cause scatenanti multiple”.

Per maggiori informazioni, visitare:

Acta Paediatrica:
http://www.wiley.com/bw/journal.asp?ref=0803-5253

Università di Göteborg
http://www.gu.se/english

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!