“Adherence to treatment in chron…

Roma, 5 aprile 2013 – Cir…

Epatite B e C: Uno studio del Sa…

Un difetto funzionale del…

Dal 19 luglio inizia sulla RAI c…

Il prossimo martedi' 19 l…

In sangue centenaria 400 mutazio…

Se molto si sa delle muta…

Cibi fritti nemici acerrimi dell…

Fritti 'killer' per la l…

Ipofisi: quando questa piccola g…

Sono così rari che non es…

[IIT] Nuovi importanti sviluppi …

Individuato nuovo sostitu…

Malattie infiammatorie croniche:…

A Bergamo esperti a confr…

Botox: un pò veleno, un pò medic…

La neurotossina nota per …

Enigma rosa: perché cuore e diab…

Il cuore delle donne è an…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Eccessiva cottura della carne: si rischia il cancro all’intestino

La carne grigliata o fritta puo’ aumentare il rischio di cancro all’intestino: secondo quanto scoperto dai ricercatori del Norwegian Institute of Public Health di Oslo (Norvegia) la colpa sarebbe della cottura eccessiva che porta alla produzione, sulla crosticina ”dorata”, di sostanze cancerogene.

Queste vengono poi attivate da enzimi presenti nell’intestino umano, SULT1A1 e SULT1A2, che le trasformano in composti che favoriscono lo sviluppo del tumore. I risultati dello studio, pubblicati su Molecular Carcinogenesis, hanno dimostrato che nei topi portatori dei due enzimi umani l’incidenza del tumore all’intestino causato dall’ingestione di queste sostanze passa dal 31 all’80%.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi