Le nuove frontiere della psichia…

Roma, 25 febbraio 2015 – …

Commozione cerebrale: pressoché …

Puo' un integratore alime…

Health Technology Assessment: a …

Milano, 17 maggio – Fa ta…

Latte materno: contiene cellule …

Identificate già da tempo…

Epatite: minsalute, emergenza C

Nel nostro Paese c'e' "un…

Un idrogel attivato dalla luce i…

Un idrogel in grado di ri…

Cellule staminali per la creazio…

Le cellule staminali dive…

MALATTIE DEL CAVO ORALE: UN PATT…

La posizione della Federa…

Smentita la "bufala" del batteri…

Anche Halomonas GFAJ-1, i…

Disabili.com vince il Premio Int…

Il Premio Giornalistico I…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

HIV: studio dimostra dove il virus risulta vulnerabile agli anticorpi

Identificata la regione dell’Hiv presa di mira da un anticorpo in grado di neutralizzare diversi ceppi del virus. Si tratta di una porzione – chiamata V1/V2 – delle strutture proteiche che si estendono all’esterno dell’agente virale.

In particolare, l’anticorpo PG9 – prodotto da alcuni individui dopo qualche anno di infezione da parte del virus – si lega a due zuccheri e a una breve sequenza di aminoacidi localizzata su queste strutture proteiche. Secondo gli autori della ricerca, guidati da Peter Kwong del Vaccine Research Center del National Institute of Allergy and Infectious Diseases statunitense, la regione V1/V2 potrebbe essere il bersaglio di un potenziale vaccino contro l’Hiv. Lo studio e’ pubblicato su Nature.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x