Legame tra cancro al colon e con…

I pazienti sopravvissuti …

Mieloma multiplo: parere positiv…

Beerse, Belgio, 28 giugno…

La muffa che si propaga meglio d…

[caption id="attachment_5…

Test del DNA del papillomavirus …

[caption id="attachment_5…

Emicrania: isolato il primo fatt…

[caption id="attachment_8…

Obesità: nuovo farmaco che inibi…

Un gruppo di ricercatori…

Epatite C: prezzo rimborsabilità…

Aifa al lavoro per arriva…

Fibrillazione atriale e rischio …

[caption id="attachment…

Limite per l'utilizzo di sale tr…

Un nuovo studio pubblicat…

Classe farmaci anti ADHD: provoc…

I farmaci per il trattame…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

HIV: studio dimostra dove il virus risulta vulnerabile agli anticorpi

Identificata la regione dell’Hiv presa di mira da un anticorpo in grado di neutralizzare diversi ceppi del virus. Si tratta di una porzione – chiamata V1/V2 – delle strutture proteiche che si estendono all’esterno dell’agente virale.

In particolare, l’anticorpo PG9 – prodotto da alcuni individui dopo qualche anno di infezione da parte del virus – si lega a due zuccheri e a una breve sequenza di aminoacidi localizzata su queste strutture proteiche. Secondo gli autori della ricerca, guidati da Peter Kwong del Vaccine Research Center del National Institute of Allergy and Infectious Diseases statunitense, la regione V1/V2 potrebbe essere il bersaglio di un potenziale vaccino contro l’Hiv. Lo studio e’ pubblicato su Nature.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi