La discriminante del gruppo sang…

[caption id="attachment_9…

Tumori neuroendocrini: si parla …

Silenziosi nell'80% dei c…

Il vaccino quadrivalente anti - …

Un ciclo di vaccinazion…

Corsi di Make Up anti cancro: pe…

Il cancro della cervice u…

Tumori del sangue: tre geni deci…

TP53, RUNX1 e ASXL1 son…

Fecondazione assistita e inferti…

[caption id="attachment_1…

Stanchezza cronica: sempre meno …

[caption id="attachment_8…

Tumori: scoperta proteina che at…

[caption id="attachment_6…

Potenziare il Pap-test abbinando…

Potenziare il Pap-test co…

Occhi a rischio disidratazione: …

In estate a mettere a ris…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Leucemia: un marker predittivo delle ricadute

I ricercatori canadesi del Sainte-Justine University Hospital Research Center di Montreal e dell’Universita’ di Montreal hanno individuato un marker, noto come PD-1, in grado di predire la ricomparsa della leucemia nei bambini gia’ sottoposti a trattamento con cellule staminali cordonali.

Dallo studio, pubblicato su Blood, emerge che 1 bambino leucemico su 5 che viene trattato con le cellule staminali del sangue del cordone ombelicale sperimenta una ricaduta nella malattia. La responsabilita’ di questo meccanismo, fino a oggi poco compreso, secondo i ricercatori canadesi sarebbe in parte delle cellule T, un sottotipo di globuli bianchi.

”Abbiamo dimostrato che un marcatore particolare dei linfociti T, PD-1, e’ molto frequente nei pazienti giovani nei quali le recidive sono sul punto di verificarsi – spiega Hugo Soudeyns, primo autore dello studio -. PD-1 e’ un rilevatore dell”esaurimento’ delle cellule T, e indica quando queste perdono la loro capacita’ di moltiplicarsi e diventano meno efficaci nel combattere i virus e le cellule tumorali”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!