Cellule staminali: come utilizza…

L'uso di cellule stamina…

FDA dice si al nuovo test per la…

Approvato dalla Food and …

Dieta povera di carboidrati e ri…

[caption id="attachment_2…

A Cagliari i massimi esperti del…

Fino al 14 ottobre verran…

Linee guida per la ricerca farma…

[caption id="attachment_8…

Dal 'verde' un vaccino unico, ar…

[caption id="attachment_5…

Virus Nipah: testato con success…

Un team di ricercatori ha…

Alzheimer: da prioni di topo arr…

La cura del morbo di Alzh…

Smog e inquinamento: in una sett…

[caption id="attachment_8…

Disturbi del sonno riducono la q…

Dormire poco e male p…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Leucemia: un marker predittivo delle ricadute

I ricercatori canadesi del Sainte-Justine University Hospital Research Center di Montreal e dell’Universita’ di Montreal hanno individuato un marker, noto come PD-1, in grado di predire la ricomparsa della leucemia nei bambini gia’ sottoposti a trattamento con cellule staminali cordonali.

Dallo studio, pubblicato su Blood, emerge che 1 bambino leucemico su 5 che viene trattato con le cellule staminali del sangue del cordone ombelicale sperimenta una ricaduta nella malattia. La responsabilita’ di questo meccanismo, fino a oggi poco compreso, secondo i ricercatori canadesi sarebbe in parte delle cellule T, un sottotipo di globuli bianchi.


”Abbiamo dimostrato che un marcatore particolare dei linfociti T, PD-1, e’ molto frequente nei pazienti giovani nei quali le recidive sono sul punto di verificarsi – spiega Hugo Soudeyns, primo autore dello studio -. PD-1 e’ un rilevatore dell”esaurimento’ delle cellule T, e indica quando queste perdono la loro capacita’ di moltiplicarsi e diventano meno efficaci nel combattere i virus e le cellule tumorali”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi