Epatite C: prossima definitiva c…

''Nei prossimi anni conti…

Neuroni: la loro memoria 'comand…

E' l'attivazione dei dend…

Le statine, e l'azione inibente …

Le statine ipocolesterole…

Eiaculazione precoce: a Salerno …

In occasione del 13° Cong…

Alcol: scoperto interruttore mol…

Individuata una mole…

Tumore al pancreas: intervento e…

[caption id="attachment_1…

Prima giornata nazionale di sens…

PRIMA GIORNATA NAZIONALE …

La doppia ..personalita' del DNA

La doppia elica del DNA p…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumori: i bersagli dei nuovi farmaci saranno enzimi e divisioni cellulari

Un nuovo farmaco, sviluppato nei laboratori della San Diego School of Medicine e del Moores Cancer Center (San Diego, Usa), potrebbe bloccare la crescita delle cellule tumorali agendo su una sola molecola coinvolta nei processi di divisione cellulare, l’enzima RAF.


A dare la notizia è Nature Medicine che ha descritto una metodica messa a punto da David Cheresh e colleghi per identificare quei farmaci in grado di distruggere i tumori che proliferano di più senza causare gli effetti collaterali tipici delle terapie attuali.

Il farmaco individuato è in grado di legare e alterare la struttura dell’enzima. Altri composti antitumorali che hanno come bersaglio enzimi che funzionano come RAF interagiscono con il sito attivo dell’enzima e finiscono col perdere la loro efficacia ‘mirata’, arrivando a «colpire molti bersagli diversi, producendo effetti collaterali e causando una tossicità che porta a dover limitare le dosi somministrabili», spiega Cheresh. Il nuovo farmaco, invece, è in grado di alterare la struttura dell’enzima senza legarsi al suo centro attivo e, quindi, senza causare effetti collaterali e tossicità.

Attualmente i ricercatori hanno messo a punto varianti di questo farmaco che possono essere addirittura 100 volte più potenti rispetto alla molecola originale. Tutte agiscono impedendo a RAF di controllare la divisione delle cellule e, quindi, bloccano il ciclo cellulare tumorale o uccidono specificamente le cellule in attiva proliferazione. Queste stesse molecole, inoltre, interferiscono con lo sviluppo dei vasi sanguigni all’interno della massa tumorale. (ASCA)

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!