Sindrome da stanchezza cronica: …

La sindrome da stanchezz…

CCSVI: Metodo Zamboni, parte la …

Lo specialista ha ipotizz…

Carcinoma epatico fibrolamellare…

Un passo in avanti verso …

Tumori al seno: aumentano rischi…

L'aumento di peso non aiu…

Quattromila composti chimici nel…

Il database è accessibile…

Le malattie infettive a scuola: …

Malattie infettive come p…

Nuova SARS: molecola impedisce l…

Alcuni scienziati della F…

Tumore alle vie biliari, scopert…

Si chiama PDGF-D ed è res…

Fascite necrotizzante: batterio …

I batteri responsabili d…

Protesi: in arrivo biomateriale …

In arrivo un nuovo materi…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Poliomielite: serve un vaccino nuovo

La battaglia contro la poliomielite non e’ agli sgoccioli. Con l’attuale vaccino, contenente una variante viva del virus (l’Oral Polio Vaccine, OPV), il virus potrebbe infatti tornare a essere infettivo, e basterebbero delle mutazioni nell’1% del suo genoma a renderlo nuovamente contagioso.

A raccomandare di non sospendere le campagne di vaccinazione e’ Lester Shulman, esperto dell’Universita’ di Tel Aviv (Israele) e Ministro della Salute israeliano, secondo cui le autorita’ dovrebbero assicurare che vengano effettuate vaccinazioni sicure per la popolazione e che venga svolto un controllo continuo delle acque di scarico, attraverso le quali il virus puo’ diffondersi.


Shulman ha recentemente discusso del problema al convegno dell’Organizzazione Mondiale della Sanita’ sulla poliomielite, durante il quale ha anche sottolineato l’importanza di passare dal vaccino con la forma ”viva” del virus alla forma ”inattivata” (l’Inactivated Polio Vaccine, IPV).

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x